Adiatek entra nel mondo delle spazzatrici con Aires 70 mettendo semplicità d’uso, ergonomia e maneggevolezza al primo posto

Cosa aspettarsi da una spazzatrice? Una spazzatrice deve garantire una pulizia profonda sia dai residui più grossolani che dalle polveri più sottili, su ogni tipo di pavimento e superficie.

Questo è quello che fanno, generalmente, tutte le spazzatrici presenti sul mercato. A fare la differenza, e incidere sulle scelte degli operatori, intervengono altri aspetti, in grado di rendere la macchina più o meno semplice da usare. Usabilità, semplicità, maneggevolezza, ergonomia: sono questi gli aspetti determinanti sulla scelta di una spazzatrice.

La spazzatrice, infatti, è una macchina che spesso non viene utilizzata da professionisti del settore, ma da operatori che, tra le varie mansioni, si occupano anche di tenere pulito l’ambiente in cui lavorano. Proprio per questo semplicità d’uso e maneggevolezza sono caratteristiche molto apprezzate, perché consentono anche ai meno esperti di avere un buon risultato nell’attività di pulizia, in sicurezza e senza perdite di tempo.

È questo il principio che ha guidato Adiatek nella realizzazione della sua prima spazzatrice, la Aries 70, che si distingue proprio per ergonomia, maneggevolezza e semplicità d’uso.

Vediamo di seguito quali scelte ha compiuto Adiatek per raggiungere questo traguardo.

Comodità e maneggevolezza

Con una pista da 70 cm, Aries 70 si differenzia per la sua praticità: la maggior parte delle spazzatrici disponibili sul mercato sono infatti più grandi o più piccole.

Con questa pista la macchina risulta quindi utilizzabile sia in spazi ampi ma, restando comunque compatta nelle dimensioni, può destreggiarsi anche in ambienti stretti tra le corsie.

È dotata di una spazzola cilindrica 700×240 mm e una laterale Ø 370 mm.

SCUOTIFILTRO ELETTROMECCANICO

Aries 70 monta lo scuotifiltro elettromeccanico. Di solito in questa categoria di macchine è manuale. Adiatek ha fatto invece questa scelta sempre nell’ottica di facilitare l’uso della macchina.

Lo scuotifiltro è a doppio battente, permette di distribuire su una ampia superficie l’impulso per un’efficace rimozione della polvere dal filtro a pannello.

DOPPIO CASSETTO FRONTALE DI RACCOLTA

In Aries 70 è stata semplificata anche l’operazione di svuotamento. Con due cassetti ad estrazione frontale, anziché uno, il peso dei rifiuti si distribuisce, rendendo il sollevamento più semplice. Un vantaggio importante soprattutto se si parla di materiali ad alta densità (come ad esempio la sabbia).

I cassetti sono inoltre a vista, con un semplice sistema di bloccaggio e di estrazione, che non richiede il sollevamento o la rimozione di parti per le operazioni di scarico.

Robustezza e autonomia

Aries 70 ha una batteria da 24V con capacità di 110Ah, che garantisce un’elevata autonomia.

Il telaio in acciaio, molto robusto, la rende adatta anche ad ambienti in cui il carico di lavoro è gravoso.

Comandi intuitivi

L’interfaccia ideata da Adiatek per Aries 70 è caratterizzata da comandi intuitivi, con un pannello ottimizzato per semplificare l’utilizzo.

I comandi della macchina sono raccolti in un cruscotto ampio, rappresentati con simbologie semplici ed intuitive, per un immediato approccio al lavoro.

Grazie a queste scelte di progettazione, Adiatek entra nel mercato delle spazzatrici con una macchina in grado di fare la differenza, con l’obiettivo di accompagnare gli utilizzatori al raggiungimento di livelli di pulizia e sicurezza sempre più elevati.

Per saperne di più scarica la scheda prodotto e contatta Adiatek:

www.adiatek.com