Il Governo, oltre alla Manovra, lo scorso 10 novembre ha approvato in Consiglio dei Ministri, il Decreto Aiuti Quater per far fronte a rincari sul carburante e sul costo dell’energia e all’inflazione che stanno mettendo a dura prova famiglie e imprese.

Tra le misure previste c’è la rateizzazione delle bollette, di cui abbiamo parlato qui Rateizzazione delle bollette per le imprese: chi ne ha diritto e come funziona.

Ma non è l’unica misura. Sono circa 9 i miliardi di euro stanziati, vediamo in quali provvedimenti.

Fringe benefit: aumento della soglia della no tax area

Passa da 600 a 3mila euro della soglia della no tax area dei premi che le imprese danno ai dipendenti per sostenerli nel contenere il caro bollette.

Aumenta il tetto al contante

È possibile effettuare pagamenti in contante fino a 5 mila euro.

Proroga credito d’imposta e taglio delle accise

Gli sconti sulle accise del carburante, che avrebbero dovuto terminare il 19 novembre, sono stati confermati fino a fine anno.
Lo stesso vale per IVA agevolata al 5% sul gas per autotrazione, per il credito d’imposta per le imprese per l’acquisto di elettricità e gas.

Superbonus al 90%

Scende da 110 a 90% il superbonus per le spese sostenute nel 2023 e “per gli interventi avviati a partire dal primo gennaio 2023 su unità immobiliari dalle persone fisiche la detrazione spetta nella misura del 90% anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023, a condizione che l’unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale e che il contribuente abbia un reddito di riferimento non superiore a 15.000 euro”.

Sblocca trivelle e proroga di un anno della maggior tutela gas

Via libera ad alcuni permessi per l’estrazione del gas nazionale. Le concessioni riguardano in particolare l’estrazione del gas nell’alto Adriatico (esclusa l’area di Venezia), oltre le 9 miglia dalla costa, solo per i giacimenti da oltre i 500 milioni di metri cubi.

Leggi anche:

Legge di Bilancio: cosa prevede la manovra da oltre 30 miliardi