La digitalizzazione porta efficienza, velocità di esecuzione, razionalizzazione delle risorse e flessibilità alle aziende che la scelgono.
Oggi l’informatizzazione dei processi per le imprese è un passo cruciale. E se è vero che la trasformazione digitale passa attraverso il software, lo è altrettanto che pensare di implementare un sistema di gestione HSE è una tappa necessaria.
Rende possibile infatti alle aziende di poter contare sulla sicurezza sul posto di lavoro, su un sistema semplice e integrato che consente di tracciare i processi e coordinarli.

Digitalizzare anche in ambito HSE è quindi importante. Se così non fosse non sarebbe oggetto di agevolazioni fiscali, riconosciute dalla normativa.

E’ la Legge di Bilancio 2022 (che supporta il processo di transizione tecnologica delle imprese) a prevedere che:

  • i beni immateriali 4.0 (come software, sistemi, applicazioni, piattaforme) finanziabili debbano rientrare nell’elenco delle soluzioni riportate dall’Allegato B alla Legge n.232/2016 e s.m.i.;
  • il credito d’imposta riconosciuto per l’acquisto dei suddetti beni è del 50%, su un limite massimo di un milione di spesa;
  • l’agevolazione è fruibile nel periodo compreso dal primo gennaio di quest’anno al prossimo 31 dicembre 2022 per acquisti finalizzati entro questo termine (anche nella misura di almeno il 20% di acconto del costo totale di acquisizione per consegne entro il 30 giugno 2022).

Perché siano finanziabili, le tecnologie devono rispondere ai requisiti delle seguenti categorie di soluzioni riportate dall’Allegato B:

  1. Software, sistemi, piattaforme e applicazioni di supporto alle decisioni in grado di interpretare dati analizzati dal campo e visualizzare agli operatori in linea specifiche azioni per migliorare la qualità del prodotto e l’efficienza del sistema di produzione;
  2. Software, sistemi, piattaforme e applicazioni per la gestione della qualità a livello di sistema produttivo e dei relativi processi.

Va inoltre specificato che sono escluse le imprese in fallimento, in stato di liquidazione, in concordato preventivo e le imprese destinatarie di sanzioni interdittive.

In un contesto di crescente digitalizzazione, l’adozione di gestionali a tutela della sicurezza, della salute dell’ambiente di lavoro si prospetta quale uno strumento imprescindibile per il futuro. C’è ben poco da dire: siamo in un momento ideale per puntare sull’innovazione tecnologica!