Ecopower compie 10 anni. 10 anni di lavoro per gestire e controllare la filiera del piombo, al fianco delle imprese, per garantire il recupero dei materiali ed evitarne la dispersione nell’ambiente

Il 2022 è stato un anno importante per Ecopower, Consorzio nazionale per la gestione di accumulatori esausti, che festeggia il suo primo anniversario: 10 anni di attività.

Il tutto iniziò nel 2009, quando a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs 188/08, il Consorzio Ecoped creò la Divisione Ecopower, il cui compito principale fu quello di organizzare e finanziare il ciclo di gestione degli accumulatori al piombo a fine vita.

A seguire, nel Gennaio 2012, per volontà del Consorzio Ecoped e di importanti aziende produttrici di batterie di avviamento, industriali e stazionarie, la divisione Ecopower diventò a tutti gli effetti Consorzio.

Oggi il Consorzio Ecopower fa parte di Gruppo Safe, primo “Hub italiano di consorzi per le Economie Circolari” e, oltre al Consorzio ECOPED, i suoi principali soci sono i produttori di Accumulatori al Piombo di Avviamento e Industriale, leader nel proprio mercato, quali MIDAC S.p.A. e ENERSYS S.p.A. Aderiscono inoltre alla rete di raccolta del Consorzio punti di importanti aziende quali: JUNGHEINRICH, STILL, BAOLI, TOYOTA-BT-CESAB, MAGNETI MARELLI, TELECOM, WIND, BMW.

Ecopower opera su tutto il territorio nazionale, raccogliendo circa 45.000 tonnellate di accumulatori al piombo esausti. Cura tutti gli aspetti dalla raccolta al riciclo, collaborando solo con i migliori fornitori logistici ed impianti di stoccaggio, utilizzando esclusivamente fonderie italiane con riconosciuta competenza, dotate di tutte le autorizzazioni e di mezzi allestiti per evitare ogni più piccola dispersione in ambiente degli acidi e massimizzare il recupero del piombo. Le batterie esauste, grazie a questo sofisticato sistema di gestione e controllo della filiera, vengono perciò avviate a trattamento con garanzia di totale recupero delle materie prime seconde.

La filiera è garantita dal “Protocollo per la Legalità”, uno specifico disciplinare che verifica la legalità dei fornitori di batterie al piombo, di logistica e di trasformazione, per erogare ai soci e ai loro clienti un servizio di ritiro garantito.

Il “Protocollo della Legalità” di ECOPOWER si pone l’obiettivo di garantire la legalità della filiera del riciclo degli accumulatori al piombo. Con l’adozione del protocollo, ECOPOWER mette a disposizione dei soci e dei loro centri di assistenza (officine, concessionari, manutentori di carrelli elevatori ecc. ecc.), fornitori qualificati secondo criteri che vanno oltre gli obblighi di legge, preservando così l’immagine e la business continuity del Consorzio, dei suoi Soci e dei clienti. Il Disciplinare prevede, oltre ai controlli autorizzativi di legge, ulteriori verifiche documentali e sostanziali, fondamentali per verificare la conformità del fornitore.

Prevede inoltre una serie di controlli preventivi, reputazionali ed audit in campo per tracciare l’origine e la provenienza dei rottami di piombo.

Ecopower non è un “trader di rifiuti” ma un sistema per riciclare il piombo che, consegnato ai soci, serve a produrre nuove batterie, rappresentando così un perfetto esempio di Circular Economy.

CONSORZIO ECOPOWER
Via A. Scarsellini, 11/13, 20161 MILANO (MI)
Tel: 800.151.188 | [email protected]
www.consorzio-ecopower.org
www.gruppo-safe.it
www.ecoped.org
www.ridomus.org
www.pneulife.org