Quando si lavora in quota il rischio maggiore che si corre è quello di caduta dall’alto.

Per evitarlo ci sono sistemi di sicurezza, dispositivi da indossare, norme da seguire e comportamenti da osservare.

L’osservanza delle regole per la sicurezza sul lavoro però non è una pratica ancora automatica e diffusa come dovrebbe essere. La tecnologia sta fornendo supporto in tal senso, ma l’impegno decisivo è sempre quello dell’operatore. Quindi ben vengano tutte le iniziative formative, informative e di sensibilizzazione al lavoro sicuro.

Leggi anche: Decalogo per l’uso in sicurezza delle piattaforme di lavoro elevabili

INAIL ha realizzato un video tutorial con animazione 3D, per fornire utili per la prevenzione degli infortuni nei lavori in quota, attraverso la riproduzione di alcune situazioni elaborate sulla base di leggi, circolari, linee guida e norme tecniche specifiche.

Puoi vederlo qui: Cantieri più sicuri: protezione individuale dalle cadute

Il video descrive diversi scenari e, per ciascuno, quale sistema di protezione individuale è più idoneo e come utilizzarlo, dando anche indicazioni sulla scelta, l’uso, il montaggio e smontaggio.

Sistema di protezione anticaduta presentati dal video:

  • Sistema di trattenuta
  • Sistema di posizionamento sul lavoro
  • Sistema di accesso su fune
  • Sistema arresto caduta

L’utilizzo dei DPI non è facoltativo, ma rappresenta uno specifico obbligo di legge.

La formazione resta sempre un aspetto fondamentale per la sicurezza sul lavoro.
Le nuove frontiere della formazione ormai non prevedono più solo formule teoriche e poco coinvolgenti, anzi, ormai per la formazione alla sicurezza test e prove sul campo sono sempre più diffusi, rendendo l’apprendimento più coinvolgente ed efficace.

Nel abbiamo parlato con l’Azienda Ghetti 3

Realtà aumentata, prove sul campo e addestramento: la nuova frontiera della formazione targata Ghetti