Metaverso logistica immobiliare
Nella logistica proliferano le applicazioni destinate ad approdare nel Metaverso. Questa arriva dalla Spagna ed è destinata a cambiare il volto della progettazione immobiliare legata al settore logistico

Il Metaverso e la realtà fisica sempre più vicina. Anche nella logistica.
Dal momento lancio del Metaverso di Zuckerberg anche il nostro settore ha iniziato a interessarsi e a progettare applicazioni che potessero sostenere e aiutare le aziende in una logica sempre più digitale.

In questa estensione, la logistica si è spinta oltre l’organizzazione e la gestione della sicurezza, del magazzino, dei processi, giungendo ad abbracciare anche l’immobiliare logistico. Ovvero la vera e propria progettazione degli immobili destinati alla logistica.

Un esempio interessante viene dalla Spagna e dal lancio di un proprio Metaverso da parte dello sviluppatore Montepino Logistica.

Metaverso e Real Estate: il “Monteverso”

La società con sede a Saragozza ha di recente presentato quella che è una propria declinazione del metaverso, denominata “Monteverso“.
Vediamo di cosa si tratta e a cosa servirà.

Monteverso sarà una copia in real time dei progetti in costruzione che potrà simulare le installazioni logistiche, in fase preliminare. Appunto, di progettazione.

L’idea non è una novità perché parte delle simulazioni BIM degli edifici. Riproduzioni tridimensionali nelle quali viene simulato il comportamento di persone, oggetti, materiali che possono essere esplorati attraverso la realtà virtuale.

La novità è il trasferimento di tutto questo sul Metaverso, offrendo l’accesso a tutti coloro che sono coinvolti nel processo di progettazione o di investimento. Lo scopo è ottimizzare tempi, evitare trasferte necessarie per la verifica della fattibilità. Insomma: consentire un controllo del processo.

Logistica “Phygital”, tra fisico e digitale

Comprendere in anticipo se un edificio è compliante o meno alle aspettative e alle necessità di chi lo dovrà utilizzare rappresenta un plus impagabile.
Sia per gli operatori logistici che per i progettisti, i quali potranno intervenire in maniera preliminare, senza investire tempo e risorse in eccesso.

Mediante l’esperienza fisica simulata e la navigazione nella realtà virtuale, la logistica diventa così “phygital”, se vogliamo. Un perfetto incontro tra il fisico ed il digitale.

La simulazione infatti permette di prevedere ad esempio anche quali saranno i reali consumi energetici e l’impatto che determinati eventi potrebbero avere sull’edificio.

Un vantaggio importante per la logistica e per i costruttori che rappresenta un ulteriore passo in avanti verso il digitale, il virtuale, verso la simulazione di una realtà “altra”, in ottica di fornire risposte sempre più cucite e progettate sulle reali necessità.