Sono molti ormai i sistemi anticollisione che si basano sul rilevamento di pedoni, ostacoli e macchine.

Si tratta di sistemi molto utili all’interno di cantieri e, in generale, dove ci sono carrelli elevatori, macchine edili, ple… al lavoro. Aiutano infatti gli operatori a destreggiarsi tra gli ostacoli, evitando pericolose collisioni e incidenti.

La tecnologia sta facendo passi avanti e, oggi, sono disponibili dei sistemi di rivelazione avanzati che utilizzano il deep learning e l’intelligenza artificiale, migliorando gli standard dell’anticollisione.

Come ad esempio il sistema SAFEYE, progettato e realizzato da DotNetix, distribuito in esclusiva in Italia da Incofin.

Nessun tag necessario per il rilevamento

SAFEYE ha molte caratteristiche interessanti. La prima è quella di aver superato un limite importante dei sistemi di anticollisione, rendendo superfluo l’utilizzo di tag.
Molti dispositivi di rilevamento infatti percepiscono solo gli ostacoli dotati di tag. Cosa succede se un pedone dimentica di indossare il tag? Se una macchina non viene taggata? Semplice: non vengono rilevati dal sistema di anticollisione e, il fatto che il sistema sia installato, diventa superfluo.

Il più grande rischio dei dispositivi di sicurezza è proprio che il loro utilizzo diventi superfluo o non diventi velocemente una routine. Se ciò accade, anche se vengono installati, vengono a mancare protezione e sicurezza del dispositivo che diventa un investimento sprecato.

Perché SAFEYE non utilizza i tag

SAFEYE è un sistema avanzato di visione artificiale stereoscopica che rivela tutti gli ostacoli. È, a tutti gli effetti, un’intelligenza artificiale che, oltre a vedere gli ostacoli, sa anche cogliere la differenza tra pedoni e macchine industriali (autocarri con cassone ribaltabile, escavatori, carrelli elevatori, automobili e in generale tutte le  macchine che si trovano tipicamente nei siti industriali).

SAFEYE: visione artificiale intelligente

Può essere installato su qualsiasi macchinario, è in grado di soddisfare le esigenze di sicurezza di tutti i settori, compresi quelli che operano in ambienti difficili (caotici, bui, polverosi…) come l’edile, lo stradale e il minerario.

Funziona con un multisensore che combina l’elaborazione di immagini tridimensionali con l’intelligenza artificiale integrata nelle telecamere, rileva oggetti sia davanti che dietro al veicolo.

SAFEYE analizza il potenziale di collisione con altri oggetti e avverte il conducente. Nel caso in cui il conducente non risponda, il sistema arresterà il veicolo comunicando con l’elettronica di controllo della macchina.

La telecamera tridimensionale a lungo raggio, sensibile anche alla scarsa illuminazione, è in grado di calcolare con precisione la distanza da un oggetto fino a 25 metri per i pedoni e 50 metri per le macchine.

Come abbiamo visto poco fa, SAFEYE si adatta anche agli ambienti più difficili: ha un design ultra robusto e può lavorare a temperature che vanno da -40°C a +70°C; è impermeabile e antipolvere (sensore IP69K, display e controller IP65); compatibile con tutti i tipi e marche di veicoli industriali, ha configurazioni e opzioni multiple, zone di rilevamento personalizzabili e 3 zone di configurazione della distanza.

Monitoraggio da remoto

Volendo SAFEYE può essere collegato a CLEARVIEW, un sistema che consente il monitoraggio video da remoto e la configurazione di tutti i parametri, sempre da remoto.

Con CLEARVIEW, SAFEYE permette di individuare la posizione delle macchine collegate tramite GPS, monitorarne parametri d’uso come la velocità, il funzionamento dei sensori… permette di tenere traccia di incidenti e near miss, raccogliere dati sul traffico di un sito industriale nel quale si opera, e in generale sulla flotta e su come viene utilizzata.

Per maggiori informazioni

Via Celeste Milani 14, 21040 Origgio (Va) – Italy
Tel +39 02 93581670 Fax +39 02 93581064
www.incofin.it