La giuria del BAUMA (Monaco, 24/30 ottobre 2022) ha selezionato per il BAUMA INNOVATION AWARD 2022 il software proprietario sviluppato da Flash Battery che sfrutta l’intelligenza artificiale per il controllo remoto automatico dei dati della batteria

Controllo remoto della batteria ma anche miglioramento delle performance, affidabilità, sicurezza, innovazione.
C’è tutto questo dentro al Flash Data Center 4.0, il software per il controllo remoto della batteria, sviluppato da Flash Battery che è stato menzionato tra i finalisti al Bauma Innovation Awards, fiera che si terrà a Monaco dal 24 al 30 ottobre 2022.

Flash Battery, azienda italiana con sede a Sant’Ilario d’Enza (Reggio Emilia), è uno dei leader europei nella produzione di batterie al litio customizzate e mette ricerca e sviluppo al primo posto: il 30% dei suoi 70 dipendenti è impegnato infatti in quest’ambito.

Marco Righi, CEO Flash Battery, spiega che uno degli tratti distintivi del Flash Data Center 4.0 è che, per il controllo remoto automatico dei dati delle batterie, sfrutta l’intelligenza artificiale.

Il Flash Data Center 4.0, oltre ad essere automatico, è anche real-time e utilizza un sistema cloud integrato in un ambiente virtuale (con Containerized Architecture) che garantisce l’interconnessione di tutti i sistemi batteria prodotti da Flash Battery, con il supporto avanzato delle tecnologie di Machine Learning e intelligenza artificiale.

In pratica si tratta di un sistema in grado di apprendere e migliorare le performance in base ai dati che vengono analizzati. In questo modo il sistema consente a chi lo utilizza (sia produttori OEM che clienti finali) di effettuare analisi avanzate e predittive dei big data, relativi ai loro sistemi batteria in tempo reale.

L’obiettivo alla base della progettazione del Flash Data Center 4.0 è infatti quello di consentire agli utilizzatori principalmente due attività:

  • manutenzione predittiva
  • pianificazione avanzata degli interventi di manutenzione straordinaria

Questo evita fermi macchina, che possono rivelarsi anche costosi, e consente di risparmiare denaro e di tempo.
Il sistema consente inoltre al cliente di gestire autonomamente il “fine vita” degli impianti, grazie alla disponibilità di un accurato sistema di controllo dello stato di salute della batteria (SOH).

Interessante anche la nuova interfaccia grafica e la user experience del sistema. L’utente ha a disposizione un’unica dashboard intuitiva in cui trova tutte le informazioni relative alle principali metriche della batteria, in tempo reale (ad esempio Life of cycles, State of Charge- SOC, State of Healty -SOH, temperature di utilizzo di ogni singola batteria interconnessa).

Questo facilita ancor più una pianificazione sostenibile della sostituzione di batterie a fine vita per intere flotte, ottimizzando e riducendo i costi di smaltimento e migliorando l’efficienza del processo di ri-uso delle componenti grazie alla blockchain relativa ai componenti.

Il commento di Marco Righi, CEO Flash Battery

“Una grande soddisfazione per il riconoscimento che va oltre la mera qualità delle nostre batterie, ma si sofferma su tutto ciò che ad esse si lega in termini di affidabilità, analisi avanzate e predittive dei big data relativi ai sistemi batteria, controlli e miglioramento costante delle performances che i clienti possono concretamente misurare e controllare in autonomia.
[…]
La manutenzione predittiva, come la intendiamo nel Flash Data Center 4.0, è un vantaggio improntante non solo per il fine vita delle batterie, ma anche per tutti quegli eventi di manutenzione straordinaria che richiedono un intervento in loco, consentendo una programmazione che riduce tempi e costi”.

Leggi anche

Incendio e batterie al litio: il ruolo del costruttore nella sicurezza