La logistica entra nel codice civile
La Camera ha approvato in via definitiva il Decreto Legge 36/2022 sul Pnrr. "Auspichiamo che la novella consentirà uno sviluppo armonico e ben regolamentato delle attività logistiche nel nostro Paese - commentano da Assologistica -, contribuendo anche al suo sviluppo economico e occupazionale".

Per la prima volta nella storia la figura della logistica è stata introdotta all’interno del Codice Civile. Nelle scorse settimane, infatti, la Camera ha approvato in via definitiva il Decreto Legge 36/2022 sul Pnrr che contiene l’emendamento presentato dal senatore Nazario Pagano e proposto da Assologistica.

La nuova formulazione dell’art. 1677 bis del Codice civile recita:

“Se l’appalto ha per oggetto, congiuntamente, la prestazione di due o più servizi di logistica relativi alle attività di ricezione, trasformazione, deposito, custodia, spedizione, trasferimento e distribuzione di beni di un altro soggetto, alle attività di trasferimento di cose da un luogo a un altro si applicano le norme relative al contratto di trasporto, in quanto compatibili”.

Grande soddisfazione è stata espressa da Assologistica, al termine di un percorso avviato sei anni fa, nel vedere il riconoscimento da parte del legislatore della logistica all’interno del Codice Civile.

Auspichiamo che la novella consentirà uno sviluppo armonico e ben regolamentato delle attività logistiche nel nostro Paese – commentano da Assologistica -, contribuendo anche al suo sviluppo economico e occupazionale”.

Leggi anche:

Mobilità e logistica: al via la redazione del documento programmatico

La logistica cerca operatori, lo dice una ricerca che analizza i primi 4 mesi del 2022

Logistica e trasporti più sostenibili: quali vantaggi oltre all’ambiente