Heli LogiMAT

Il LogiMAT per Heli ha offerto lo spunto per ribadire la rotta intrapresa: dai transpallet ai frontali, il litio è la nuova frontiera del marchio.

Il ritorno al LogiMAT per Heli è infatti coinciso con la voglia di puntare in maniera sempre più convinta sul mercato del litio. Campo inesplorato fino ad un anno fa, su cui oggi si concentrano grandi energie e progettualità, il litio è non solo il presente ma soprattutto il futuro del marchio. Anche per l’azienda cinese, dietro al LogiMAT si nasconde un significato più profondo che riguarda serenità e voglia di contatto, come ha spiegato Andrea Davoglio, Amministratore Delegato di Heli italia.

Questo LogiMAT indubbiamente ha rappresentato il ritorno alla normalità. Gli italiani presenti sono stati davvero numerosi e abbiamo visto e toccato con mano la grande voglia di tornare a vedersi in presenza. Al LogiMAT abbiamo sentito un forte entusiasmo, dato dalla possibilità di avere contatti diretti in modo sereno e sicuro. Speriamo sia un nuovo grande inizio”.

LogiMAT fa rima con Litio. A Stoccarda il litio è stato il grande protagonista del vostro stand?

Assolutamente si, le novità di Heli riguardano tutto il mondo litio. Dallo scorso ottobre ci stiamo concentrando su questo segmento, come evidenziato già all’ultima edizione del GIS. Un ambito sul quale continueremo ad investire anche nei prossimi due anni. Le novità riguardano tutta la nostra gamma al litio, che spazia dal nuovo transpallet, in uscita ufficialmente verso la fine del 2022, passando ai carrelli frontali elettrici a tre o quattro ruote”.

Un futuro prossimo già delineato che guarda anche altrove?

Non dobbiamo dimenticare che una fetta importante del mercato italiano utilizza ancora i carrelli elevatori diesel. Aldilà del litio quindi il nostro obiettivo è non perdere terreno su quelle nicchie importanti che sono parte del nostro business. Quest’anno e il prossimo soprattutto importeremo quindi macchine diesel di grossa portata, da 100 ai 250 quintali e nella prossima primavera è previsto anche l’arrivo sul mercato del nostro fuoristrada 4×4“.