La sostenibilità non può essere una risposta all’emergenza.
Oggi gran parte delle imprese del cleaning, si sta impegnando a creare un mondo più pulito, più sano e più sostenibile. Sia per quanto riguarda le emissioni di cui ha diretto controllo che quelle dell’intera catena di valore.

La sostenibilità, che rappresenta la chiave di volta per il risparmio, l’economia circolare e la razionalizzazione delle risorse, inizia ad essere un imperativo impellente.
Soprattutto alla luce dell’emergenza legata alla grave siccità che sta preoccupando il nostro Paese, facendoci prendere più profondamente coscienza della crisi ambientale in atto.

Oggi, più di ieri e sicuramente meno di domani, appare di fondamentale importanza capire come il settore del cleaning stia affrontando il problema e quali tecnologie potrebbero porsi da rimedio se implementate nel lungo periodo.

Tennant, la sostenibilità del sistema di riciclo ES

Oltre 20 anni fa Tennant, leader globale nella progettazione di soluzioni per la pulizia, ha ideato il sistema di riciclo dell’acqua ES™ (Extended Scrubbing) che consente di aumentare l’autonomia di lavoro, grazie al riciclo della soluzione lavante e alla riduzione dei carichi di acqua.

ES di Tennant è la prima tecnologia che ricicla l’acqua sporca, la rende pulita e utilizzabile una seconda volta ed è disponibile su tutte le lavasciuga di grandi dimensioni. Ma vediamo come avviene questo processo.

In una lavasciuga, acqua pulita e detergente vengono utilizzati solo per pochi secondi, ovvero per il tempo che trascorre tra il passaggio delle spazzole e l’aspirazione del tergipavimento.
La soluzione di acqua, detergente e sporco non è quindi satura e se filtrata può essere riutilizzata. Ciò si traduce in un minor consumo d’acqua e di detergente, oltre che di tempo per la pulizia. Ovvero, in sostenibilità.

Attraverso un filtro in acciaio inox a maglia molto fine, situato dentro il serbatoio di recupero, una lavasciuga Tennant filtra l’acqua aspirata ripompando solo la parte liquida nel serbatoio della soluzione consentendone il riciclo e quindi un nuovo utilizzo.

Ec-H2O NanoClean™

Dal 2008, la tecnologia ec-H2O è diventata lo standard di riferimento per la pulizia dei pavimenti senza prodotti chimici. La tecnologia sviluppata da Tennant, infatti, converte elettricamente l’acqua in soluzione per la pulizia dei pavimenti, risparmiando tonnellate di CO2

Elimina infatti lo smaltimento dei prodotti chimici e delle confezioni, riduce l’uso di acqua del 70% e la pulizia, inizia con l’acqua e finisce con l’acqua, non rilasciando nell’ambiente di lavoro composti organici volatili (VOC).

Come funziona?
Tramite un processo di conversione elettrica dell’acqua, le lavasciuga Tennant iniettano sulle spazzole una soluzione di acqua contenente ioni positivi (H+) e negativi (OH-), ottenendo con la sola acqua di rubinetto la stessa azione detergente che solitamente  si ottiene con i prodotti chimici.  In altre parole, la tecnologia ec-H2O™, convertendo elettricamente l’acqua in una efficacie soluzione lavante,  elimina la necessità della maggior parte dei detergenti e riduce la quantità di acqua necessaria alla pulizia (fino al 70% di acqua in meno rispetto ad una lavasciuga dello stesso modello senza questa tecnologia).

La riduzione dell’impronta ambientale è quantificata nell’analisi del ciclo di vita redatto da Ecoform e ha contribuito in questi anni a ridurre l’impatto di Tennant e dei suoi clienti.

E’ stato dimostrato he ec-H2O NanoClean™ può pulire una grande varietà di sporco, sia durante la pulizia di manutenzione giornaliera, sia sporchi più difficili come grassi, sale antigelo ecc. senza utilizzo di detergenti

Tennant ed ISC: insieme per un impatto zero

Esattamente un anno fa sono entrati in vigore i nuovi CAM che, per quanto attiene ai macchinari, richiedono l’inserimento di soluzioni per ridurre gli impatti ambientali.
I macchinari devono cioè essere progettati e realizzati favorendo riciclo e massima durata utile della vita.

ISC, distributore esclusivo per l’Italia del marchio Tennant, ha scelto la sostenibilità, rispondendo ai nuovi CAM relativi alle macchine per la pulizia.
Elettriche, non generano particolati, progettate con l’obiettivo di durare nel tempo, le macchine Tennant godono dell’assistenza di ISC che allunga la loro vita utile, consentendo di durare nel tempo.

E anche quando il fine vita è ormai inevitabile, ISC si occupa della separazione e recupero delle componenti per il riutilizzo per un impatto ambientale quasi pari a zero.

Perché essere sostenibili oggi non è solo un’importante opportunità di sviluppo ma anche e soprattutto un dovere etico delle aziende.