Armanni inox

Chi lavora nel settore del packaging o ha comunque a che fare con bobine di carta, film plastico o altri materiali quotidianamente sa bene quanto sia importante avere un’attrezzatura adatta alla manipolazione di una bobina.
La presa e lo stoccaggio a terra o in macchina di una bobina è un’operazione che può sembrare banale ma che in realtà nasconde una serie di problemi principalmente legati all’ergonomia e alla sicurezza degli operatori.
La movimentazione tradizionale di questi carichi viene gestita con grossi carrelli frontali o carriponte che si portano dietro una serie di problematiche come costi elevati di acquisto e manutenzione, poca flessibilità in spazi ridotti e obbligo di abilitazione alla guida.

Da diversi anni ormai Armanni ha fatto di queste problematiche il proprio core business.

Armanni, macchine su misura per la massima sicurezza ed ergonomia

Il produttore bergamasco, grazie ad una movimentazione innovativa, è in grado di manipolare e trasportare bobine costruendo macchine su misura per uno specifico carico in modo da garantire la massima sicurezza e la massima ergonomia per l’operatore.

Questo si traduce nelle macchine Armanni in bassi costi di manutenzione e acquisto, massima flessibilità negli spazi ridotti, nessun obbligo di licenza per abilitazione alla guida, massima ergonomia per l’operatore e massima sicurezza data dalla manipolazione di un carico fisso, non oscillante, tramite un macchinario realizzato nel pieno rispetto delle normative europee.

Nel realizzare le proprie macchine dedicate a questo settore, Armanni ha identificato otto diverse tipologie di presa di una bobina, grazie alle quali è possibile coprire la maggior parte dei problemi legati appunto alla manipolazione di questo materiale.

Movimentazione delle bobine: le soluzioni di Armanni

Si parte con i carrelli con pinza frontale e laterale grazie ai quali è possibile prendere la bobina dal diametro esterno, ruotarla ed inserirla nel macchinario sbobinatore. Qualora il materiale della bobina risultasse particolarmente fragile e delicato la soluzione proposta da Armanni è il manipolatore interno grazie al quale, tramite il grippaggio dell’anima interna della bobina, si è in grado di prendere e ruotare frontalmente la bobina con il minimo sforzo e garantendo l’integrità della bobina stessa.

Con i carrelli con forche sagomate si è poi in grado di trasportare bobine fino a 25 tonnellate di peso stoccate orizzontalmente e di prendere bobine tramite albero e inserirle nello sbobinatore grazie ad un sistema di forche sagomate a sella.

I carrelli con spuntone e con culla sono altre due tipologie di presa di una bobina. I primi consentono una presa rapida della bobina ai fini dello stoccaggio con anima in orizzontale, i secondi consentono invece la presa di una bobina sempre in orizzontale, con lo scopo di inserirla in un macchinario di packaging.

I pianali a V su tavole motorizzate permettono il trasporto di una bobina di grandi dimensioni e il relativo posizionamento in un macchinario e gli upender o tavole ribaltatrici, spesso inserite negli step finali di un impianto, permettono di ruotare di 90° e di pallettizzare bobine di grandi dimensioni con uno strumento estremamente facile da utilizzare.

Armanni, tra INOX ed automazione

Come completamento di gamma, Armanni è in grado di movimentare con soluzioni su misura anche gli alberi espansibili sui quali le bobine sono poste.

Gli alberi espansibili pesano mediamente 150 Kg e devono essere infilati e sfilati dall’anima della bobina. Armanni, grazie a carrelli elevatori speciali, è in grado di automatizzare questa operazione rendendola sicura e realizzabile da un solo operatore.

Tutta la gamma di carrelli elevatori per bobine è realizzabile anche in acciaio INOX per ambienti ad elevata corrosione o per settori come ad esempio il food and beverage, dove è richiesto un alto livello di igiene.

Per scoprire tutte le soluzioni legate alla movimentazione bobine di Armanni

Visualizza il catalogo online