Un’interessante classifica pubblicata da Modern Materials Handling racconta l’andamento della top 20 dei fornitori di sistemi di automazione per magazzino

C’è una corsa continua ad accorciare i tempi delle consegne nelle catene di approvvigionamento. Le tempistiche richieste dal mercato alla logistica sono sempre più rapide, una tendenza intensificatasi con la pandemia ma che non è cambiata con il rientrare dell’emergenza sanitaria.

Una volta testato a quale velocità può andare la logistica, non si torna indietro, c’è sempre un motivo per volere consegne rapide: la crescita esponenziale dell’e-commerce, una pandemia che ha costretto al distanziamento, la carenza delle materie prime e la ricerca di soluzioni alternative, il conflitto in Ucraina e il conseguente rischio per le catene di approvvigionamento…

Nel magazzino si gioca la partita della rapidità

Ed è proprio dentro ai magazzini che si gioca molto della rapidità di una catena logistica. Le tecnologie di automazione che operano nel magazzini possono davvero fare la differenza.

Il Modern Materials Handling ha analizzato le aziende top 20 del settore, per capire come sta andando il mercato, stilando una classifica sulla base dei ricavi che queste aziende hanno ottenuto nel 2021.

Metodologia di raccolta dati
Modern Materials Handling invia ai fornitori selezionati un questionario che chiede informazioni sui tipi di sistemi forniti, il fatturato totale per sistemi, software e servizi relativi alla movimentazione dei materiali automazione. I dati divulgati si basano sulle risposte raccolte.

Come hanno affrontato le nuove sfide relative ai tempi di consegna della catena di approvvigionamento?

+ 23%
fatturato 2020 -> $ 25,9 miliardi
fatturato 2021 -> $ 31,9 miliardi

Secondo i dati riportati dal Modern Materials Handling, la top 20 dei marchi ha fatturato nel 2021 $ 31,9 miliardi, rispetto ai $ 25,9 miliardi dei fornitori nella Top 20 dell’anno precedente, segnando un aumento del 23%.

Partiamo da uno dei mega-trend più determinanti: l’e-commerce.
L’e-commerce è determinante nella crescita dei fornitori di sistemi di automazione. Si tratta infatti di aziende che realizzano proprio sistemi di automazione del magazzino, che aiutano a soddisfare gli ordini di e-commerce, riducendo al minimo il lavoro di manodopera o supportando un’efficiente evasione omnicanale.

Negli USA l’e-commerce è cresciuto del 14,2% nel 2021, secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Alcuni esperti prevedono che la curva di crescita dell’e-commerce si stabilizzerà nei prossimi anni, ma nel frattempo la crescita prosegue.

Una crescita che si ripercuote nei fatturati delle aziende che forniscono questi sistemi.

I brand del settore automazione in magazzino sono cresciuti rapidamente nel 2021, sono molte infatti le aziende che hanno implementato sistemi per rendere i centri logistici più efficienti e ridurre la manodopera impiegata nei processi manuali. Resta da vedere se questo ritmo di crescita potrà proseguire a lungo.

Le aziende più piccole dell’elenco ora hanno tutte un fatturato annuo superiore a $ 300 milioni e ogni fornitore nella Top 10 ha avuto un fatturato 2021 superiore a $ 1,1 miliardi.

Prima di vedere la tabella, consideriamo però un altro trend emerso:

L’ingresso della robotica

Nella top 20 del 2021 hanno fatto il loro ingresso anche aziende che si occupano di robotica.

Come chiariscono i commenti dei dirigenti sulla Top 20: la domanda di soluzioni di robotica e automazione del magazzino innovative è forte poiché le aziende cercano di ottenere più efficienza, ma gli stessi problemi di approvvigionamento e le pressioni inflazionistiche che hanno assalito molti settori hanno rappresentato un ostacolo per le aziende che stavano cercando di produrre e installare sistemi, tra interruzioni significative e costi più elevati.

In tutto questo, la crescita è impressionante e il prossimo anno è molto probabile che vedremo altri nuovi ingressi nella lista, man mano che il settore si consolida e i fornitori di robotica, che una volta erano startup, diventano aziende vere e proprie e iniziano a condividere i numeri delle entrate.

I 20 principali fornitori mondiali di sistemi di movimentazione dei materiali

2021 Rank 2020 Rank Company Worldwide 2020 revenue (million USD) Worldwide 2021 revenue (million USD) Percent change 2020-2021 Three-year change Headquarters
1 1 Daifuku Co., Ltd. 4540 4390 -3.3% 9% Osaka, Japan
2 2 Dematic (KION Group) 3226 4299 33.3% 61% Atlanta
3 3 SSI Schaefer Group 3120 3732 19.6% 16% Neunkirchen, Germany
4 5 Honeywell Intelligrated 2018 2940 45.7% 63% Charlotte, N.C.
5 4 Vanderlande (a Toyota Advanced Logistics Group company) 2100 2600 23.8% 53% Veghel, The Netherlands
6 7 Knapp AG 1450 1840 26.9% 34% Hart bei Graz, Austria
7 6 Murata Machinery, Ltd. 1490 1780 19.5% -1% Kyoto, Japan
8 9 Material Handling Systems (MHS) 1150 1500 30.4% 50% Mount Washington, Ky.
9 12 WITRON Integrated Logistics 855 1242 45.3% 85% Parkstein, Germany
10 na Interlake Mecalux (MECALUX) 766 1177 53.7% NA Barcelona, Spain
11 8 Beumer Group GmbH 1400 1120 -20.0% 2% Beckum, Germany
12 10 Siemens Logistics 1000 1000 0.0% NA Constance, Germany
13 10 TGW Logistics Group GmbH 1000 924.5 -7.6% 9% Marchtrenk, Austria
14 13 Swisslog AG (*Kuka Robotics) 646 737 14.1% 10% Buchs/Aarau, Switzerland
15 na Fives Intralogistics (Fives Group) 548 664 21.2% NA Paris, France
16 14 Kardex AG 466 514 10.3% -3% Zurich, Switzerland
17 15 Bastian Solutions (a Toyota Advanced Logistics Group company) 405 426 5.2% 21% Carmel, Ind.
18 16 Elettric 80 354 372.4 5.2% 37% Viano, RE, Italy
19 na AutoStore AS NA 327.6 NA NA Nedre Vats, Norway
20 17 System Logistics SpA 262 322 22.9% 23% Fiorano, MO, Italy
Totals 26,796 31,907.5 19.1%

Un podio invariato: Daifuku, Dematic e SSI Schaefer

Daifuku rimane il numero 1 della lista, registrando un fatturato di 4,39 miliardi di dollari per il 2021, in calo rispetto ai 4,54 miliardi di dollari del 2020.

Dematic (parte del gruppo KION dal 2016 nell’ambito del segmento Supply Chain Solution), è cresciuta da 3,22 miliardi di dollari nel 2020 a poco meno di 4,3 miliardi di dollari. Quella forte crescita ha mantenuto Dematic/KION al secondo posto.
“I recenti guadagni del gruppo KION che hanno delineato i risultati del 2021 e le prestazioni di Dematic nel segmento delle soluzioni per la catena di approvvigionamento (SCS) sono stati eccezionali”, afferma Hasan Dandashly, presidente di Dematic e membro del consiglio esecutivo del gruppo KION. “Il fatturato totale del segmento SCS è aumentato anno dopo anno a 3,796 miliardi di euro (2020: 2,627 miliardi di euro). Questo aumento molto sostanziale del 44,5% è stato principalmente attribuibile alla crescita del business dei progetti a lungo termine, dove i ricavi sono aumentati del 55,4%. La crescita dei ricavi è stata particolarmente significativa in Nord America e in Europa occidentale, principalmente perché il segmento ha rispettato il portafoglio ordini accumulato nel 2020 e ha mantenuto un livello di utilizzo della capacità costantemente elevato”.

Al terzo posto si conferma SSI Schaefer con un fatturato del 2021 di 3,73 miliardi di dollari, rispetto a 3,12 miliardi di dollari dell’anno precedente. Secondo Steffen Bersch, CEO di SSI Schaefer Group, la crescita è stata aiutata dalla forte performance della business unit Logistics Solutions dell’azienda. Nel quarto trimestre sono stati completati diversi progetti, incluso il più grande progetto nella storia dell’azienda, una struttura di e-commerce per un importante rivenditore omnicanale nel dicembre 2021.

Al quarto posto troviamo Honeywell Intelligrated e al quinto Vanderlande (parte del Toyota Advanced Logistics Group), che si scambiano le posizioni rispetto al 2020
Honeywell ha fatturato nel 2021 $ 2,94 miliardi (+45%). Keith Fisher, presidente di Honeywell Intelligrated, afferma che la rapida crescita è attribuibile all’aumento delle soluzioni offerte al mercato per supportare le aziende ad affrontare le nuove sfide della logitica.
Vanderlande, parte del Toyota Advanced Logistics Group (TALG), ha registrato invece un fatturato di 2,6 miliardi di dollari (dato provvisorio, al momento della stampa) per il 2021, rispetto ai 2,1 miliardi di dollari dell’anno precedente.
A salire di un posto al sesto posto quest’anno è Knapp con $ 1,84 miliardi, rispetto a $ 1,45 miliardi. Innovazione e leadership tecnologica sono due pilastri chiave del continuo successo di Knapp, afferma Kevin Reader, vicepresidente marketing di Knapp North America.

Al settimo posto troviamo Murata Machinery con un fatturato 2021 di $ 1,78 miliardi, in aumento rispetto a $ 1,49 miliardi del 2020 e vicino alla sua performance nel 2019, quando aveva $ 1,8 miliardi di vendite totali. Secondo Takenori Yanai, direttore generale della divisione Logistica e automazione di Murata e membro del consiglio di Murata Machinery, la crescita è stata aiutata da investimenti “su larga scala” in sistemi automatizzati di movimentazione dei materiali in Giappone e da una forte attività nell’industria dei semiconduttori, che è cercando di aumentare la produzione per superare la carenza di semiconduttori.

Ottavo posto per Material Handling Systems (MHS) che ha registrato nel 2021 un fatturato di 1,5 miliardi di dollari, rispetto a 1,05 miliardi di dollari del 2020. Una crescita del 30,4% che ha portato l’azienda su di una posizione.

Dodicesimo posto nel 2020, al nono posto nella classifica 2021 troviamo Witron Integrated Logistics, con $ 1,24 miliardi, rispetto a $ 855 milioni. Nell’ultimo anno, Witron è cresciuta da 4.500 a 5.100 dipendenti, con una buona crescita a livello mondiale, ma soprattutto una forte crescita in Nord America. La tecnologia di magazzino completamente automatizzata di Witron (chiamata OPM, per Order Picking Machinery), che immagazzina, smista e pallettizza casse piene nel settore della vendita al dettaglio di generi alimentari, è molto richiesta, secondo il questionario compilato dall’azienda. Witron sta inoltre registrando molte richieste per la sua soluzione All-In-One (AIO) per le operazioni omnicanale di break pack.

Al decimo posto c’è Mecalux. I ricavi del 2021 ammontano a 1,17 miliardi di dollari, rispetto ai 765,5 milioni di dollari del 2020.

Undicesimo posto per Beumer Group, che nel 2021 ha registrato un fatturato di 1,12 miliardi di dollari. Le entrate del gruppo sono diminuite rispetto al 2020 quando, i ottava posizione, aveva fatturato 1,4 miliardi di dollari.

In dodicesima posizione Siemens Logistics. L’azienda in realtà non ha fornito le sue risposte al questionario e la classifica considera i dati invariati rispetto all’anno precedente, in base a quanto dichiarato dalla società madre Siemens che riporta i numeri di Siemens Logistics come parte del gruppo. Nel febbraio 2022, la società madre Siemens AG ha annunciato di aver raggiunto un accordo per vendere Siemens Logistics al gruppo Körber per 1,15 miliardi di euro, con chiusura prevista entro la fine dell’anno.

La posizione numero 13 è di TGW Logistics. Nel suo ultimo anno fiscale (terminato il 30 giugno 2021), la società ha generato un fatturato di $ 924,5 milioni, in leggero calo dal suo bilancio precedente, che ha stabilito un record di $ 1 miliardo di vendite totali.

Posizione 14 per Swisslog con 737 milioni di dollari nel 2021, contro i 646 milioni del 2020. Secondo Markus Schmidt, presidente di Swisslog Americas, il punto di forza dell’azienda risiede nell’automazione del magazzino in generale e nell’e-grocery, che getta le basi per la crescita futura.

Fives Intralogistics, parte di Fives Group, si colloca al numero 15 della top 20. La società, con sede a Parigi, ha fatturato $ 548 milioni nel 2020 e 664 milioni nel 2021.
Posizione 16 per Kardex AG con un fatturato di 514 milioni di dollari, in aumento rispetto a 466 milioni del 2020, quasi alla pari con i 532 milioni di dollari del 2019.

Torna la famiglia Toyota alla posizione 17 con Bastian Solutions, che fa parte di Toyota Advanced Logistics North America. Fatturato di 426 milioni di dollari nel 2021, rispetto a 405 milioni di dollari nel 2020.
“Il 2021 ha visto una pressione senza precedenti sulla catena di approvvigionamento globale e sui settori correlati. La carenza di manodopera, unita alla carenza di scorte e all’aumento della domanda dei consumatori, ha costretto le aziende ad adattarsi rapidamente a un panorama manifatturiero difficile”, afferma Greg Conner, vicepresidente dello sviluppo aziendale per Bastian Solutions.

Troviamo un po’ di Italia al numero 18 con Elettric80. L’azienda di Viano (RE) ha registrato 372,4 milioni di dollari di fatturato, in calo rispetto al 2020 (394,9 milioni). L’azienda italiana ha sede negli Stati Uniti nell’area di Chicago ed è nota per i suoi veicoli a guida automatica.

AutoStore è la new entry 2021 e si piazza al numero 19.

Ancora Italia al numero 20 con System Logistics, che ha registrato un fatturato di $ 322 milioni nel 2021, rispetto a $ 262 milioni nel 2020.