Il tema della sostenibilità è diventato ormai universale: tocca tutti gli ambiti. La produzione, l’industria, i servizi, la logistica… anche il comparto del sollevamento è coinvolto nel tema e, anzi, è proprio dal sollevamento che arrivano alcuni degli esempi più virtuosi di sostenibilità.

Quando si parla di sostenibilità collegata alle macchine per il sollevamento, si pensa per lo più al processo di elettrificazione. In che cosa consiste? Consiste nella conversione dei motori delle macchine per il sollevamento (gru, piattaforme, ragni…) da termico ad elettrico.

L’elettrico è entrato nel mondo del carrello elevatore da molto tempo, molto prima del mondo delle piattaforme, e la sua diffusione è stata sicuramente più rapida anche di quella nell’automotive. La movimentazione infatti ha saputo cogliere i vantaggi dell’elettrico legati a:

  • Assenza di emissioni e quindi possibilità di utilizzo dei carrelli indoor
  • Minore manutenzione
  • Minori costi per l’alimentazione

In pratica solo la potenza sviluppata è rimasta, per diverso tempo, un vantaggio del termico sull’elettrico. Oggi però anche la potenza sembra non essere più prerogativa del termico. A dimostrarlo ci sono proprio diversi modelli di macchine per il sollevamento, gru e piattaforme che, pur montando motori elettrici, riescono a compiere lavori decisamente gravosi.

Merito della ricerca nell’ambito delle batterie, settore che negli ultimi anni è stato particolarmente produttivo. Nuove chimiche, oltre a quelle al piombo, di ultima generazione come quelle a base di litio, sistemi efficienti per produrre la potenza necessaria (né più né meno) per lavorare senza sprechi, software per la manutenzione predittiva che hanno dotato le piattaforme di un cuore di controllo, situato spesso proprio nella batteria.

Secondo l’Unione Europea, che negli ultimi anni ha spinto forte l’acceleratore sulla transizione energetica, i trasporti rappresentano quasi un quarto delle emissioni di gas a effetto serra nel vecchio continente. Per questo motivo il tema della sostenibilità è destinato a diventare tutt’uno con quello della meccanica e della progettazione delle macchine, anche quelle più importanti come quelle destinate al sollevamento.

L’elettrificazione delle piattaforme fa anche da ponte per ottenere altri vantaggi.

Con l’elettrificazione infatti, come abbiamo detto, la ple entra in un mondo di interconnessione e digitalizzazione.

Basti pensare che, come accennato poco fa, le batterie sempre più spesso sono collegate a sistemi di controllo remoto. Questo facilita l’interconnessione della macchina stessa, la raccolta di dati sul lavoro, utili per efficientare i processi. In questo modo i veicoli da sollevamento possano essere facilmente monitorati e, con il supporto di sensori, essere soggetti a diagnostica avanzata.

Sollevatori telescopici, gru mobili o montate su camion, carrelli elevatori, piattaforme di lavoro aeree… tutte queste macchine possono essere dotate dei sistemi di interconnessione intelligenti.

A proposito di sollevamento sostenibile leggi anche:

Tutti i vantaggi di scegliere a noleggio una piattaforma sostenibile

Carr Service amplia il service e la vendita alle gru elettriche: la nuova partnership con JMG Cranes

L’impronta ambientale JMG Cranes che abbatte la CO2