tecnologie in azienda
― Le nuove tecnologie sono fondamentali per la crescita delle imprese, ma allo stesso tempo necessitano di essere introdotte nel modo corretto affinchè i dipendenti ne assimilino l'utilizzo.

L’introduzione di nuove tecnologie in un contesto lavorativo rappresenta da sempre una sfida tra l’essenzialità del progresso e l’adozione effettiva da parte dei lavoratori sul campo.
Da un lato i leader che devono accogliere le innovazioni, dall’altro gli operatori che devono fare i conti con l’adozione di un nuovo strumento.

Negli ultimi anni, le tecnologie sono state integrate a diversi aspetti del processo lavorativo, dall’organizzazione delle mansioni alla schedulazione dei tecnici, ma quanto sono stati formati gli operatori per l’utilizzo degli strumenti forniti?

La sfida tra le nuove tecnologie e l’utilizzo operativo

Una domanda di non facile soluzione.
La sfida risiede sempre nel mantenere alti i livelli di competitività attraverso le nuove tecnologie e allo stesso tempo scontrarsi con la forza lavoro da formare.
Prendiamo ad esempio un’azienda che decide di munire i propri tecnici di dispositivi all’avanguardia ma che ben presto si rende conto che tali strumenti non vengono utilizzati.
Si assisterà in questo caso ad una perdita dei profitti previsti e una riduzione dei benefici. Soprattutto se quegli stessi strumenti potevano, ad esempio, innalzare i livelli di sicurezza di un determinato ambiente.

Le tappe per rendere il processo di accettazione più fluido

Presentare nuove tecnologie ed investire nella loro adozione è importante, ma è necessario farlo di pari passo alla formazione del personale.
Sono molteplici le tecniche che possono essere utilizzate per proporre le novità alle risorse sul campo, facendo leva sulla semplicità d’uso e l’utilità. Ricordandosi sempre di utilizzare una comunicazione priva di tecnicismi settoriali e prestando attenzione alle esigenze dei futuri utilizzatori.

Ecco alcune fasi per incentivare l’accettazione nei confronti dei nuovi strumenti messi a disposizione:

  • Educando, prevedendo delle sessioni di formazione dedicate ai lavoratori coinvolti. Trasmettendo le conoscenze necessarie agli operatori in modo da rendere il dispositivo più familiare e far ridurre i dubbi. Così facendo la tecnologia riuscirà ad entrare nella quotidianità lavorativa.
  • Semplificando, dati e numeri devono essere tradotti in un linguaggio semplice, tanto da essere compreso ed assimilato con facilità. Gli studi in ambito scientifico/tecnologico molto spesso non sono di facile lettura, soprattutto per il gergo tecnico che viene utilizzato. Adattare lo stile con cui si comunicano le competenze da perseguire, per avvicinarsi ai propri ascoltatori può essere la scelta vincente.
  • Visualizzando, oltre alla spiegazione teorica, portando dei materiali visivi è importante per aiutare a trasmettere il messaggio ai tecnici interessati. Far leva su foto o video ad esempio contribuirà efficacemente ad illustrare un concetto in modo accattivante e più impattante.
  • Influenzando. Al centro di questa teoria si trovano gli influencer, ossia persone capaci di “influenzare” appunto, il comportamento del pubblico verso una data tecnologia. Nelle aziende gli influencer possono essere manager o colleghi rispettati. Il datore di lavoro quindi, dovrebbe identificare chi tra i dipendenti può assolvere a questo ruolo ed aumentare significativamente le possibilità verso un approccio positivo.
  • Dimostrando: facendo formazione non solo tramite dati verbali e visivi ma anche pratici, cioè capendo come utilizzare gli strumenti tecnologici che verranno assegnati. Dando, in altre parole, la possibilità ai futuri utilizzatori di testare con mano aiuterà ad abbattere l’ansia da cambiamento.
  • Incoraggiando: molto spesso chi deve utilizzare il nuovo strumento si trova a dover combattere con la paura di sbagliare e l’insicurezza. Per questo motivo incoraggiare l’utilizzo può aiutare a domare lo sconforto iniziale. Lo si può fare chiedendo feedback, condividendo pensieri e opinioni, annotando i commenti del personale e tenendo in considerazione le loro idee.