Logcenter

Il settore della logistica sta attraversando un momento di profondo cambiamento e chi lavora nel campo sente continuamente parlare di innovazione, digitalizzazione, automazione, investimenti e incentivi.

In questo scenario ricco di opportunità ma al tempo stesso pieno di dubbi e difficoltà burocratiche, le PMI possono sentirsi disorientate; come affrontare il cambiamento in concretezza? Come accedere ai finanziamenti di cui tutti parlano? Come assicurarsi di avere pieno diritto alle agevolazioni previste?

Logcenter ha ideato un protocollo operativo, il Green Pass Industria 4.0, che permette alle aziende che ambiscono a ottimizzare la propria supply chain di recuperare la liquidità necessaria per digitalizzare i processi.

Come si inserisce la logistica nel Piano Industria 4.0?

Il Piano Industria 4.0 mira a rendere più innovativo e di conseguenza più competitivo il tessuto industriale italiano, anche in relazione ai competitor europei e globali.

Gli incentivi messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico sono il frutto di un progetto strategico volto a sostenere l’innovazione del sistema industriale e a permettere alle aziende di crescere dal punto di vista digitale e tecnologico, realizzando importanti investimenti.

In questo piano sono inclusi tutti i cambiamenti che riguardano la logistica integrata, la digitalizzazione e l’automazione.

Tutti questi interventi implicano:

  • la semplificazione dei processi
  • l’automazione o semi-automazione dell’intera supply chain
  • la riduzione degli sprechi (di tempo e di materiali)
  • l’ottimizzazione della manodopera

Gli incentivi previsti per il 2022

La legge di Bilancio 2021 ha confermato, nell’ambito del Piano Industria 4.0, il credito d’imposta per le aziende che investono in beni strumentali nuovi previsti dalla normativa; nel 2022 però il credito è passato dal 50% al 40%.

In questa categoria sono inclusi:

  • macchinari che permettono il carico e lo scarico, la movimentazione, la pesatura e la cernita automatica dei pezzi (es. carrelli elevatori, sollevatori, carriponte, gru mobili, gru a portale);
  • dispositivi di sollevamento e manipolazione automatizzati (es. manipolatori industriali, sistemi di pallettizzazione e dispositivi pick and place);
  • sistemi di convogliamento e movimentazione flessibili, e/o dotati di riconoscimento dei pezzi;
  • software che permettono la gestione dell’intera supply chain, garantendo l’efficientamento di tutti i processi.

Il decreto ha fissato come termine ultimo per gli acquisti il 31 dicembre 2022, precisando che può essere esteso al 30 giugno 2023 nel caso in cui al 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di un acconto pari almeno al 20%.

Nel 2022 è stato confermato anche il Bonus per il Sud Italia che prevede che le imprese che hanno sede nelle regioni del Sud (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna) abbiano diritto a un credito d’imposta extra fino al 45% per gli investimenti in beni strumentali, cumulabile al bonus del Piano Industria 4.0.

Le opportunità sono sicuramente molte ma resta da capire come accedere al credito, quali investimenti intraprendere. E ancora, come possa individuare, una PMI che si occupa di logistica, quali interventi potrebbero essere adatti alla sua situazione ed essere inclusi nel Piano Industria 4.0

Un partner strategico: Logcenter

A tutti coloro che desiderano investire in ambito logistico acquistando mezzi e strumenti al fine di ottimizzare i processi, Logcenter offre assistenza e aiuto concreto.

In primis, consapevole della diminuzione del credito d’imposta del 10% per il 2022, Logcenter offre ai propri clienti un bonus aggiuntivo pari alla medesima percentuale.

Essendo un’esperta di logistica integrata, Logcenter può supportare le aziende che desiderano avviare questo processo di modernizzazione e digitalizzazione dei processi, offrendo una consulenza personalizzata sulla gestione della logistica che prenda in considerazione i problemi e le necessità dell’azienda.

Infine, altrettanto importante, grazie alla partnership con il gruppo Capuano Associati, l’azienda offre a tutti i suoi clienti la possibilità di accedere automaticamente al Green Pass F24, il primo protocollo operativo per ottimizzare il carico fiscale.

Grazie a questo strumento l’azienda può recuperare la liquidità necessaria per digitalizzare i processi.

Il protocollo GreenPass Industria 4.0 si attiva attraverso un audit che ha l’obiettivo di mappare le opportunità e gli strumenti di risparmio fiscale più idonei per sostenere la tua azienda verso un processo di crescita che passa attraverso la riduzione delle imposte sul reddito e del carico contributivo Inps.

Richiedi una consulenza personalizzata per non perdere l’occasione di accedere agli incentivi fiscali del Piano Industria 4.0.