In che modo sta cambiando il mondo del lavoro negli ultimi anni? Da cosa è influenzato?
Di sicuro la pandemia ha dato il suo importante contributo verso una maggiore digitalizzazione dei processi e delle modalità.
Un’innovazione che ha interessato chiaramente anche il modo di vendere, di comunicare.
Cosa ci aspetta per il prossimo futuro è un mercato dominato dalla ricerca di professionisti iper-qualificati che abbiamo competenze molto verticali. Pronti per lo sviluppo di carriera.

Quali settori richiederanno più specialisti?

L’intelligenza artificiale e l’automazione industriale continueranno a generare a livello globale nuovi posti di lavoro. Con la conseguenza di rendere obsolete diverse professionalità che oggi popolano gli ambienti lavorativi.
A breve termine si stima che gli effetti della pandemia continueranno a incrementare la richiesta di professionisti specializzati nel campo della logistica e dell’e-commerce.

Cercando di fare una previsione, le professioni più richieste post Covid saranno sicuramente quelle sanitarie (infermieri qualificati, tecnici di laboratorio e medici) ma anche i responsabili della logistica ed i data specialist.

Le aziende ormai sono sempre più attente alla soddisfazione del consumatore e hanno compreso che la logistica rappresenta lo step per ottimizzare l’apprezzamento da parte del cliente. Ci si muove quindi in ottica sostenibile, cercando di mantenere quanto più “green” tutta la catena, perfino sino all’ultimo miglio.

Software, big data e venditori all’apice della scala delle professioni più richieste

C’è poi tutto un mondo che ruota attorno alle figure più propriamente “logistiche” che è quello dei Software Engineer e dei Data Scientist.
Su LinkedIn ogni giorno tantissimi sono gli annunci di ricerca personale per gli ingegneri del sotware, esperti che si occupano di progettazione e sviluppo o di aggiornamento di software.

Lo stesso vale anche per i Data Scientist che con la crescita di importanza dei big data sono figure richiestissime da molti mercati.

Infine, assicuratori ed esperti della cyber security sembrano essere due ulteriori categorie deputate alla sicurezza, che il mondo del lavoro sta rivalutando. Che si affiancano ai venditori, la forza commerciale delle aziende, ancora oggi poco reperibile sul mercato.