Kontiki, la start up che ha ideato la piattaforma digitale per l’automatizzazione delle procedure per accedere ai fondi destinati alle aziende, punta il suo faro verso un nuovo regime di aiuti.

Una pioggia di finanziamenti che arriva dal Mise per sostenere, con 678 milioni di euro, gli investimenti delle PMI nella realizzazione di progetti legati a tecnologie 4.0, economia circolare e risparmio energetico.

Finanziamenti imprese per Centro – Nord e Mezzogiorno d’Italia

I finanziamenti previsti dal nuovo regime di aiuti sono destinati per:

  • 250 milioni alle regioni del Centro – Nord
  • 428 milioni per i progetti che vedranno la luce nelle regioni del Mezzogiorno.

Una quota pari al 25% è destinata ai progetti di micro e piccole imprese.

L’importo massimo agevolabile non dovrà superare i 3 milioni di euro e dovrà favorire la trasformazione digitale attraverso le tecnologie individuate dal piano Transizione 4.0. Particolare attenzione verrà rivolta alle PMI che favoriranno l’economia circolare, la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico.

Un requisito fondamentale è di non aver effettuato nell’arco degli ultimi 24 mesi una delocalizzazione e alle PMI si richiede anche l’impegno a non farlo per i 2 anni successivi.

Da ministro dello sviluppo economico è mio dovere tutelare le imprese italiane, individuando tutte le risorse e gli strumenti necessari per sostenere gli investimenti in progetti innovativi che mirano anche a ridurre l’impatto energetico sui processi produttivi“, ha dichiarato Giorgetti.
La capacità del nostro sistema imprenditoriale di rimanere competitivo sui mercati – aggiunge il ministro – passa infatti dall’ammodernamento degli impianti attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie che, oltre a incrementare la produttività e migliorare la sostenibilità ambientale, devono favorire sviluppo e occupazione“.

Affidati al software Kontiki per reperire i bandi destinati alla tua azienda

Il software di Kontiki semplifica le procedure per reperire i finanziamenti destinati alla tua azienda.
Ma come funziona, nello specifico? Una volta individuato il bando al quale aderire, attraverso la piattaforma digitale si può effettuare un’analisi di fattibilità della pratica e si possono scegliere le spese da rimborsare in modo semplice, chiaro e trasparente. Successivamente, si può scaricare dalla piattaforma documenti già pre-compilati.
Una documentazione “pronta all’uso” rende il processo più rapido e facile. La documentazione, una volta compilata e salvata, verrà archiviata nel sistema e sarà disponibile per l’azienda ogni volta che vorrà consultarla.