covid-colore-regioni
― Situazione Covid: dal 24gennaio cambiano i colori che caratterizzano le regioni in base al rischio pandemico. Dal 1^ febbraio invece, entrerà in vigore il nuovo dpcm con la lista di attività in cui viene richiesto il Green Pass per l'accesso

Ritorna l’ormai famoso “colore arancione” nel paese. L’Istituto Superiore di Sanità ha riportato il consueto bollettino settimanale con l’indice dei contagi per monitorare i cambi di colore nelle regioni.
Cambiano i colori e viene introdotto il nuovo dpcm: dal 1° febbraio una nuova lista di attività in cui si potrà accedere anche privi di Green Pass.

CAMBIO DI COLORE PER LE REGIONI

I due parametri che determinano il cambio di colore di una regione sono rappresentati da:

  • tasso di occupazione delle terapie intensive;
  • livello delle aree mediche.

In zona gialla, occupazione delle terapie intensive sopra al 10/% e aree mediche 15%, in zona arancione, terapie intensive sopra al 20% e aree mediche 30% e zona rossa con le terapie intensive sopra il 30% e aree mediche oltre il 40%.

Da oggi, lunedì 24 gennaio, 5 regioni sono arancioni, secondo l’ultima ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza.

Alla Valle d’Aosta si aggiungono: Abruzzo, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia.

Passano da zona bianca a zona gialla Puglia e Sardegna che si aggiungono a Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Toscana, Veneto e province autonome di Trento e Bolzano.

IL NUOVO DPCM E LA LISTA DEI NEGOZI ESENTI DALL’OBBLIGO DI ACESSO CON GREENPASS

Dal 1° febbraio 2022 entrerà in vigore il DPCM Draghi che consentirà ad una serie di negozi l’esenzione dall’obbligo di Green Pass per l’accesso.
La lista delle attività è la seguente:

  • Esigenze alimentari e di prima necessità, come supermercati, attività di vendita al dettaglio in ipermercati, discount alimentari, commercio al dettaglio di prodotti surgelati, commercio al dettaglio di alimenti per animali, commercio al dettaglio di carburante per autotrazioni in esercizi specializzati, commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari, commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati, comercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati; commercio al dettaglio di materiale per ottica; commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento.
  • esigenze di salute, accesso per approvvigionamento di farmaci, dispositivi medici e alle strutture sanitarie, sociosanitarie e veterinarie.
  • esigenze di sicurezza, accesso agli uffici aperti al pubblico delle Forza di polizia e delle polizie locali.
  • esigenze di giustizia, accesso agli uffici giudiziari e agli uffici dei servizi sociosanitari esclusivamente per la presentazione indifferibile e urgente di denunzie o svolgimento di attività di indagine o giurisdizionale.