― In un complesso di tecnologie in costante crescita, sentiamo sempre più spesso parlare di “magazzini intelligenti”, ma quali sono i reali vantaggi?

L’evoluzione digitale sta oggi giorno attraversando ma soprattutto modificando l’intera filiera del settore logistico.
In un mondo in cui la tecnologia è in costante crescita è sempre più frequente l’utilizzo dei “magazzini intelligenti” o “magazzini del futuro” ma, effettivamente quali sono i vantaggi?

I VANTAGGI DEL MAGAZZINO INTELLIGENTE

Ormai è un dato di fatto: la logistica è cambiata, dentro ai magazzini infatti è in corso una vera e propria rivoluzione, ecco perchè è importante sapere che avere magazzini intelligenti porta dei benefici come:

  • aumento della produttività, che accresce il vantaggio concorrenziale;
  • aumento della prevedibilità della qualità con maggiore costanza nel rendimento;
  • diminuzione degli errori, danneggiamenti e tempi di traslazione;
  • aumento del ritmo e dell’efficienza;
  • integrazione del magazzinaggio ad altre funzioni aziendali, come il monitoraggio dello stoccaggio, la panificazione strategica dei prelievi, e ancora il controllo dell’inventario in tempo reale;
  • aumento della sicurezza;
  • riduzione dei costi di produzione;
  • riduzione dei rifiuti.

C’è da considerare infine un altro aspetto: le macchine automatizzate sono ora capaci di sostituire gli esseri umani nei lavori difficili, pericolosi o monotoni.
Quindi, i lavoratori possono riqualificarsi acquisendo competenze diverse con una mansione più volta alla creazione di valore e creatività, cioè propria dell’intelligenza umana.

INTRALOGISTICA ITALIA

Ecco spiegato perchè questo clima di grande attesa per la prossima fiera dell’INTRALOGISTICA ITALIA che si terrà a Milano dal 3 al 6 maggio e che raccoglierà sotto lo stesso tetto le tecnologie più all’avanguardia.
Con la possibilità di conoscere tutte le migliorie applicabili al nostro magazzino per poterlo rendere “intelligente”.

Leggi di più sulla fiera dell’INTRALOGISTICA ITALIA e sul magazzino del futuro, qui.