L’Italia post covid si sta riprendendo meglio della media UE.

Emerge da uno studio firmato Smart Land presentato durante l’ultimo congresso dei noleggiatori, promosso da Assodimi, e svoltosi a Firenze qualche settimana fa.

Il quadro generale è positivo, ma richiama cautela.
Il Covid ha colpito l’UE in un momento di debolezza economica, che in parte rimane, ma il nostro Paese si sta riprendendo meglio della media europea.

Dobbiamo ringraziare sicuramente i bonus messi in campo per sostenere il comparto edilizio, che hanno fatto ripartire anche tutto l’indotto, tra cui il filone delle aziende che si occupano di noleggio.

Il settore del noleggio di macchine e attrezzature in Italia era già in cresciuto prima del covid, questo infatti l’andamento rilevato dallo studio:

2019 +10,0%
2020 +1,0%
2021 +20,4
previsione 2022 +12,9%

Chiaramente non basta rallegrarsi del periodo florido, è necessario comprenderne le motivazioni e approfittare del momento per prepararsi per il futuro, quando i fattori ambientali cambieranno.

Lo studio presentato durante il congresso Assodimi ha indicato chiaramente i fattori che oggi hanno portato questa situazione, e non sono solamente i bonus per il comparto edilizio. Anzitutto dobbiamo inquadrare il momento in una generale ripresa economica post pandemia che interessa tutti, a cui si aggiunge un dispiegamento di fondi europei senza precedenti (PNRR).

Oltre al superbonus dobbiamo poi considerare anche altre disposizioni importanti: la cessione del credito e lo sconto in fattura.

Lo studio completo è disponibile solo per i soci Assodimi.
Per ulteriori informazioni [email protected]

Leggi anche: