Non si può parlare di trasporti eccezionali senza parlare di sicurezza sul lavoro.

E alla sicurezza sul lavoro, infatti, sono dedicati la maggior parte dei convegni dell’8a edizione del GIS, Giornate Italiane del Sollevamento e dei Trasporti Eccezionali che hanno coinvolto 67 associazioni di categoria, con il patrocinio del Ministero del Lavoro, Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e Anas, con Inail, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Regione Emilia Romagna, Esercito Italiano e Comune di Piacenza.

Il tema della sicurezza è stato al centro di due convegni nella seconda giornata di fiera.

Il primo dal titolo: “LA SICUREZZA DEGLI OPERATORI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: FORMAZIONE ALL’ALTEZZA DELL’INNOVAZIONE”, organizzato da ANFIA, Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, e AISEM, Associazione italiana sistemi di sollevamento, elevazione e movimentazione.

Il secondo, “LE VERIFICHE AI SENSI DEL D.I. 11.04.2011, DIECI ANNI DOPO: ASPETTI POSITIVI, CRITICITÀ E PROSPETTIVE”, è stato invece organizzato in collaborazione con ALPI, Associazione laboratori e organismi di certificazione e ispezione.

Le novità tecnologiche in sala esposizione

In esposizione al GIS anche anteprime mondiali portate da top brand del settore sollevamento.

Gru F 1004 50 RH XP techno e il sistema Smart Hybrid technology di Fassi Gru

Sistema di propulsione elettrico basato su una batteria ibrida, che permette di effettuare la ricarica sia da presa di forza nel camion, che dalla presa di rete industriale. “Tra le altre virtù di questa tecnologia c’è indubbiamente l’abbattimento delle emissioni CO2, la diminuzione del consumo di carburante ed anche la possibilità di lavorare in zone dove è vietato l’utilizzo di sistemi di produzione tradizionali oppure dove è richiesta la necessità di lavorare senza inquinamento acustico”, spiega Silvio Chiapusso, responsabile marketing e comunicazione del gruppo.

Sollevatore telescopico elettrico eWorker del Gruppo Merlo

“Si tratta del primo modello della nuova gamma ‘Generazione zero’, una generazione che abbiamo lanciato mercoledì in diretta mondiale sul nostro canale YouTube e che rappresenta una svolta nel mondo dei sollevatori telescopici – sottolinea Mattia Bodino, responsabile marketing e comunicazione del Gruppo Merlo. – È il primo sollevatore telescopico nato come elettrico: una macchina che unisce le prestazioni di un sollevatore telescopico, quindi con un braccio telescopico, a quelle di un carrello elevatore tradizionale”.

Sollevatori telescopici a forche rotativi Magni Telescopic Handlers

Soddisfazione anche da parte di Riccardo Magni, Presidente della Magni Telescopic Handlers: “Stiamo vivendo quest’anno un momento straordinario e al contempo strano, che non ho mai visto in tutta la mia carriera, in quanto il mercato è completamente esploso per questo tipo di prodotto e stiamo vivendo veramente un momento estremamente positivo. Abbiamo 18 modelli in questa gamma che vanno da 18 metri di altezza di sollevamento fino ai 51 e siamo il numero uno al mondo in questo senso, per altezza nessuno dei nostri concorrenti può competere”.

Gru LTM 1650-8.1 di Liebherr e Fratelli Paradiso

Grande interesse per la gru LTM 1650-8.1 presentata da Liebherr e Fratelli Paradiso S.R.L., che, con il suo sbraccio massimo di 152 metri e la portata limite di 700 tonnellate, svetta nell’area esterna del Piacenza Expo.

LTF 1060-4.1 Liebherr

Ma la vera novità presentata da Liebherr in esclusiva al Gis è l’autogru telescopica LTF 1060-4.1, la quale, nonostante le sue 60 tonnellate di carico massimo, non necessita di permessi speciali per la circolazione stradale.

Gru 100 TJJ e piattaforma autocarrata 27D Speed Socage

Due invece le grandi anteprime presentate in esclusiva al Gis 2021 da Socage: la nuovissima gru 100 TJJ da 95,5 metri di altezza massima e la piattaforma autocarrata 27D Speed.