“Flash Battery dimostra che non è vero che non ci sono giovani competenti, dimostra che ci sono opportunità dentro l’economia circolare, che si può lavorare bene, per un ambiente più pulito e un mondo più giusto”. Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna

Anche se i 65 giovani dipendenti di Flash Battery (età media 35 anni) abitano la nuova sede già da un anno, l’Head Quarter che sorge a Sant’Ilario d’Enza meritava un’inaugurazione come si deve, sia perché è davvero un importante polo di innovazione, ma anche per il suo grande valore simbolico.

Quella di Flash Battery, azienda reggiana produttrice di batterie al litio per macchine industriali e veicoli elettrici, è infatti una bellissima storia con tutti gli ingredienti giusti: due amici in un garage e una passione in comune, la dedizione e la voglia di fare la differenza, la competenza e la ricerca dei talenti, imprenditori che credono in questo progetto tanto giovane quanto intraprendente.

In appena 9 anni Flash Battery è passata da quel garage ad occupare uno stabilimento green da 7 milioni di investimento, che si estende su 20mila metri quadrati, con un’area produttiva di 3.200 già predisposta per espandersi a 5mila, 1.500 dedicati alla ricerca e 150 postazioni di lavoro.

La cerimonia ufficiale c’è stata, lo scorso 1 ottobre, alla presenta di tanti imprenditori, clienti, amici, giornalisti e istituzioni tra cui: il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il Sindaco di Sant’Ilario d’Enza Carlo Perucchetti, il Presidente di Unindustria Reggio Emilia Fabio Storchi, il Commissario Straordinario della Camera di Commercio di Reggio Emilia Stefano Landi.

Oggi Flash Battery alimenta macchine industriali in tutto il mondo, con batterie al litio di ultima generazione. Queste batterie sono un manifesto di energia pulita in senso lato: sono la dimostrazione che è possibile fare business in grande (il viaggio di Flash Battery prosegue verso l’internazionalizzazione), creando valore nel rispetto dell’ambiente, del territorio e del lavoro delle persone.

Non a caso infatti Marco Righi, CEO Flash Battery, ha iniziato il suo discorso alla cerimonia di inaugurazione da questi 2 concetti chiave: le persone e l’ambiente.
Ha espresso gratitudine verso i suoi collaboratori, ai quali ha riconosciuto un ruolo fondamentale nel successo di Flash Battery. Per questo la nuova sede è progettata prima di tutto per le persone, per il loro benessere: ambienti salubri, luminosi, comodi, che permettano ai dipendenti (anche se lui preferisce la parola collaboratori) di far uscire tutte le loro potenzialità.
L’Azienda inoltre, sempre secondo Righi, deve essere integrata nel territorio in cui sorge, per il bene delle persone e dell’ambiente.
Riguardo infine alla sostenibilità ha ricordato che “l’impegno in questa direzione è continuo. Basti pensare ad esempio al fatto che le Flash Battery non contengono cobalto, oppure al lavoro di riduzione degli imballaggi che abbiamo eseguito… applichiamo insomma i principi del rispetto dell’ambiente e del benessere delle persone in ogni aspetto del lavoro e del prodotto finale”.

Carlo Perucchetti, Sindaco di Sant’Ilario d’Enza, ha particolarmente apprezzato il discorso dell’inserimento dell’azienda nel tessuto sociale del territorio, spiegando come Flash Battery sia in grado di comunicare carica e voglia di sperimentare, un esempio soprattutto per la popolazione più giovane. “Grazie di esistere nella nostra comunità – ha dichiarato Perucchetti – presenza di grande spessore, che comunica la voglia e la cultura del lavoro, auspico si possano creare occasioni di dialogo con i ragazzi per fargli capire che si può fare”.

Di giovani, talento e formazione ha parlato anche Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna. “Flash Battery è l’esempio di cosa significhi la motor valley emiliana. Ed è sul lavoro che si gioca il futuro del nostro territorio, per questo dobbiamo continuare a investire in formazione e saperi, infrastrutture, ricerca, innovazione e competenze, che sono i fattori grazie ai quali l’Emilia Romagna continua ad accrescere la propria attrattività per i grandi investimenti industriali e tecnologici internazionali. Nella nostra regione ci sono competenze, professionalità, storia e capitale umano ed è per questo che investiamo in transizione digitale. Non è un caso che l’82% della capacità di calcolo italiana e il 21% di quella europea, siano proprio nella nostra Regione.
Flash Battery dimostra che non è vero che non ci sono giovani competenti, dimostra che ci sono opportunità dentro l’economia circolare, che si può lavorare bene, per un ambiente più pulito e un mondo più giusto”.

Fabio Storchi, Presidente Unindustria Reggio Emilia, ha voluto sottolineare la chiarezza di idee, i valori e la solidità che sono alla base di questa Azienda: valori di team, squadra e rispetto.

Molto significativo l’intervento del Monsignor Massimo Camisasca che è riuscito a riassumere il grande valore di Flash Battery in una frase: “tutto si coniugherà nella compatibilità tra ecologia e tecnologia”. Colpito dalla giovane età dei dipendenti ha anche regalato loro una citazione di Albert Camus: “ragazzi: siate realisti, domandate l’impossibile”.

Leggi anche:

Headquarter Flash Battery: il polo dell’elettrificazione dove è l’innovazione a muovere tutti i processi