― Oltre il 60% dei proprietari di piccole imprese segnala difficoltà nel trovare dipendenti. Quali sono le ragioni? Perché un dipendente rimane in azienda o sceglie di non accettare un lavoro?

La carenza di manodopera sperimentata da molte industrie negli ultimi mesi sembra peggiorare, secondo un sondaggio condotto da Alignable.

Secondo i dati di una ricerca condotta dal 15 agosto al 13 settembre, su 4.079 proprietari di piccole imprese attive nel settore cleaning, oggi il 66% ha riferito di avere difficoltà nel reperire i dipendenti giusti per ricoprire ruoli aperti. Molti dei quali sono necessari a generare nuove entrate.
Un dato in crescita se si pensa al confronto con il mese di luglio 2021, quando la percentuale dei proprietari di piccole imprese che avevano difficoltà a trovare l’aiuto giusto era pari al 50%.
Una cifra balzata al 59% ad agosto e risalita del +7%, fino a raggiungere l’odierno 66%.

Come reagire a questa carenza?

Dagli indicatori del sondaggio si evince che:

  • Il 47% dei datori di lavoro ha combattuto la carenza aumentando gli stipendi dei dipendenti
  • Il 23% ha dichiarato di aver ridotto le ore ai dipendenti per tagliare le spese
  • Il 26% ha dichiarato di aver rinunciato a trovare lavoratori e/o ha deciso di svolgere il lavoro da soli

Malgrado queste difficoltà, dai numeri della ricerca si apprende anche che la modalità principale con cui i datori di lavoro sono riusciti a trovare persone da assumere è stata il networking ed il passaparola.

Dipendenti apprezzati = dipendenti fedeli

Un recente studio del Centro per la ricerca sulla produzione del Manufacturing Institute e dell’American Psychological Association, ha trovato 4 ragioni per cui i lavoratori non lascerebbero il lavoro e sceglierebbero di rimanere con i loro datori:

  • La maggior parte (8 su 10) ha dichiarato che la ragione risiede nel fatto che gli piace il proprio lavoro;
  • Quasi 7 dipendenti su 10 di età inferiore ai 25 anni indica di non cambiare lavoro grazie ai programmi di formazione e sviluppo che le proprie aziende offrono;
  • Retribuzione e benefici competitivi sono importanti ma il lavoro che incrementa le esperienze positive, migliora la fidelizzazione dei lavoratori. Garantire che ogni dipendente capisca come i propri sforzi siano collegati al successo complessivo dell’azienda è una delle strategie di fidelizzazione dei lavoratori di maggior successo;
  • I dipendenti che si sentono apprezzati hanno molte più probabilità di essere coinvolti nel lavoro, meno probabilità di sentirsi stressati durante la giornata lavorativa e meno probabilità di lasciare il lavoro.

Come aumentare il benessere dei lavoratori?

Per quanto riguarda il modo in cui ciò si applica al settore della pulizia professionale, la relazione offre alcuni suggerimenti ai datori di lavoro che desiderano mantenere i propri dipendenti:

  • Per aiutare i dipendenti a godersi il proprio lavoro, sottolinea l’importanza di ciò che fanno nel mantenere alta la salute e il benessere degli altri. Igienizzare, rendere salubri gli ambienti significa essere artefici del benessere delle persone;
  • Per assicurarsi lavoratori più giovani sul posto di lavoro, rivolgiti all’implementazione di nuove tecnologie;
  • Promuovi una proiezione verso il futuro, per aiutare il tuo personale a sentirsi apprezzato e a sentirsi parte di un progetto più grande;
  • Avvia un programma di riconoscimento delle doti dei tuoi dipendenti per migliorare significativamente il morale dei lavoratori e la fidelizzazione di tutto il personale.