― Secondo un'indagine di Sendcloud i consumatori italiani sono più sensibili verso l'impatto ambientale dei loro acquisti online. L'80% di loro sarebbe disposta ad aspettare più a lungo per un ordine sostenibile

Otto consumatori italiani su dieci sono disposti ad aspettare più tempo se il processo di consegna del loro ordine è più ecosostenibile.
E’ quanto emerso da un’indagine di Sendcloud, piattaforma di spedizioni e-commerce che ha rivelato l’accresciuta sensibilità del consumatore italiano, che si sentirebbe in colpa per l’ambiente facendo shopping online.
Un terzo degli italiani indagati, il 29% avrebbe remore ad acquistare attraverso i portali presenti sul web, mentre secondo il 35% degli intervistati la questione è tutta racchiusa nel costo. Secondo loro, infatti, spetterebbe al rivenditore pagare per assicurare una spedizione sostenibile. E non al cliente finale.

Consegna green: una priorità fra i consumatori?

Benché nel nostro paese si sia ancora lontani dall’affermare che la consegna ecosostenibile è una priorità assoluta tra i compratori, è vero che chi compra online è disposto a scendere a qualche compromesso. Per avere consegne più sostenibili.
Come? Attraverso il cambiamento delle abitudini d’acquisto.
I consumatori stanno favorendo l’applicazione di sistemi di logistica sostenibile fra le aziende e incentivando il passaggio alla consegna sostenibile.

Secondo i dati di Sendcloud, il 77,2% degli italiani sarebbe disposto ad attendere più a lungo per ricevere il suo ordine. Il 70% degli intervistati è favorevole a ritirare il proprio pacco sia in punti di raccolta che locker come alternativa eco-friendly alla consegna presso il proprio domicilio.
Il 73,5% degli intervistati afferma di essere disposto a valutare altre soluzioni di delivery a patto che i rivenditori siano più trasparenti sulle emissioni che comportano le proprie spedizioni.
Infine, il 71,6% degli intervistati crede che il governo italiano debba obbligare le aziende a investire nella consegna sostenibile mentre il 75,5% ritiene che i rivenditori debbano essere più trasparenti sull’impronta ambientale della loro logistica.

Comunicare l’impatto ambientale, per fare scelte più consapevoli

La sostenibilità per la logistica è un tema importantissimo. I consumatori hanno iniziato a comprendere l’impatto ambientale dei loro acquisti e sono disposti a dare il loro contributo per un’industria più verde.
Malgrado ci sia ancora tanto da fare, il settore sta diventando più green: le consegne con mezzi elettrici e riders sono ormai diffusi in tutta Europa e le opzioni di delivery si stanno moltiplicando.
E’ probabile che – ha affermato Rob van den Heuvel, CEO di Sendcloud – comunicando l’impatto ambientale delle opzioni di consegna alla cassa, i rivenditori possano incentivare i consumatori a scegliere processi più sostenibili rispetto alla consegna veloce e gratuita“.