Il sollevatore telescopico, chiamato anche carrello telescopico, è una macchina utilizzata in vari comparti (industria, ma anche agricoltura e edilizia) per il sollevamento di materiali.

Il sollevatore telescopico ha la caratteristica di essere dotato di un braccio telescopico. La sua altezza di sollevamento e la capacità di carico sono parametri che variano molto, da modello a modello, a seconda della combinazione di vari fattori, come l’estensione del braccio, l’angolo di sollevamento, il tipo di attrezzatura, le condizioni di utilizzo.

Di solito il sollevatore telescopico ha telaio rigido o semi-rigido, quindi immobile, motore diesel, quattro ruote motrici con assale posteriore oscillante per una buona tenuta fuoristrada.
La stabilità si raggiunge selezionando la modalità operativa più adatta alla circostanza, tra le varie sterzate disponibili.

La versatilità del sollevatore telescopico è data dalla possibilità di installare diversi accessori sulla testa del braccio telescopico.

  • Forche (per pallet o per altro materiale tipo legname)
  • Piattaforme di lavoro
  • Cesto
  • Benna
  • Pinza
  • Argano
  • Tramoggia
  • Attacco spazzaneve
  • Spazzatrice

Grazie a questa varietà di accessori, il sollevatore telescopico si presta a svolgere lavori di vario tipo, dal sollevamento e spostamento di materiale, movimentazione di carichi di terra e posizionamento, operazioni di scavo, pulizia, raccolta o versamento, sollevamento di operatori.

Rispetto ad un carrello elevatore tradizionale ha il vantaggio, oltre all’estrema versatilità, di avere anche una maggiore capacità di estensione. Solitamente però è più grande e ingombrante, quindi non sempre adatto a tutti gli ambienti, anche a causa della motorizzazione termica.
Solo i modelli di sollevatori compatti o di medie dimensioni possono essere utilizzati anche indoor, per spostare carichi pesanti direttamente dentro a magazzini o stabilimenti di produzione.

Anche il sollevatore telescopico non fa eccezione: per condurre e manovrare macchinari, è necessaria la formazione.
Sono diversi i rischi che si possono correre nell’uso, legati sia alle caratteristiche della macchina che alle condizioni di utilizzo.
I rischi aumentano ad esempio nell’uso in condizioni di maltempo, se sono presenti detriti nell’area di lavoro, se il terreno è bagnato o fangoso, se c’è vento forte… tutte condizioni che possono sabotare la stabilità della macchina o la resistenza del braccio.

Tra i principali produttori ricordiamo: Manitou, Merlo, JCB, Claas…

Leggi anche:

Le guide INAIL dedicate agli apparecchi di sollevamento pubblicate nel 2020