In tempi pre-covid questo sarebbe stato il periodo delle fiere per eccellenza!

Saremmo stati tutti presi tra un quartiere fieristico e l’altro, tra allestimenti e disallestimenti, a stringere mani, incontrare vecchi amici e fare nuove conoscenze, scoprire novità e fare formazione, tra cene e aperitivi.

La fiera ha spesso rappresentato l’alta stagione per molte realtà. Durante le fiere, che di solito si svolgevano in questo periodo, venivano stretti accordi, stipulate vendite e acquisti, spesso determinanti per la buona riuscita di tutto il resto dell’anno.

Sia per motivi conviviali e di contatto umano, che per motivi di business, si sente la mancanza delle fiere!

Però, reduci da un anno di distanziamenti e di paura per un virus sconosciuto che ha minato tutte le nostre relazioni umane per come eravamo abituati a gestirle… fa un po’ specie ripensarci in grandi folle, assembrati dentro alle strutture fieristiche.
La fila per entrare, l’assiepamento allo stand per una presentazione particolarmente interessante, una fitta platea in un workshop su qualche novità, il bar della fiera all’ora di pranzo… sono tutte situazioni che oggi non affronteremmo più a cuor leggero.

Ma questo non significa che dobbiamo rinunciare alle fiere! Anzi!

Significa che le fiere si evolvono, si ibridano con le nuove modalità virtuali testate nell’ultimo anno, ma abbracciano anche nuovi standard per consentire lo svolgimento degli eventi in sicurezza.

È il caso, ad esempio, di ISSA PULIRE 2021 che, scegliendo la modalità di svolgimento in presenza il prossimo 7/9 settembre a Verona [QUI LE INFO PER PARTECIPARE], ha richiesto e ottenuto che il quartiere fieristico avviasse il processo di accreditamento al GBAC Star.

GBAC Star: cos’è?

Il GBAC Star è l’unico accreditamento per la prevenzione, la risposta e il recupero delle epidemie nel settore delle pulizie.

È uno standard di certificazione che viene rilasciato alle strutture che soddisfano precisi criteri:

  • Hanno stabilito e mantenuto un programma di pulizia, disinfezione e prevenzione delle malattie infettive per ridurre al minimo i rischi associati agli agenti infettivi come il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2)
  • Hanno protocolli di pulizia adeguati, tecniche di disinfezione e pratiche di lavoro in atto per combattere i rischi biologici e le malattie infettive
  • Hanno professionisti della pulizia altamente informati, formati per la preparazione e la risposta a epidemie e malattie infettive

Il quartiere fieristico di Verona, che ospiterà tra i vari eventi anche ISSA PULIRE, rispondendo a questi requisiti, ha ottenuto la certificazione GBAC star.

Per ottenere l’accreditamento, le strutture seguono un programma progettato per supportarlo nella realizzazione di un sistema completo di pulizia, disinfezione e prevenzione delle malattie infettive, per il proprio personale e il proprio edificio.

Il programma si basa sulla formazione completa di GBAC, che insegna ad affrontare le situazioni di rischio biologico (come il nuovo coronavirus) con:

  • i protocolli appropriati
  • le corrette tecniche di disinfezione
  • le migliori pratiche di pulizia

Le strutture che ottengono l’accreditamento sono in grado di dimostrare che hanno in atto pratiche, procedure e sistemi di lavoro corretti per prepararsi, rispondere e riprendersi da epidemie e pandemie.

Durante ISSA PULIRE vigeranno i principi igienico sanitari adottati dal quartiere fieristico di Verona.

Sarà assicurato il distanziamento sociale di almeno un metro, saranno obbligatorie le mascherine chirurgiche e ci sarà disponibilità di gel disinfettante facilmente accessibile.

L’accesso alla fiera e i singoli padiglioni saranno monitorati ad esempio attraverso il controllo della temperatura corporea delle persone.

Le operazioni di pulizia e sanificazione saranno svolte secondo quanto previsto dalle normative. È previsto anche un piano per la gestione di un’eventuale emergenza sanitaria, in caso vengano individuati casi sospetti.