― Quali sono i nuovi criteri che devono rispettare le macchine per la pulizia dei pavimenti e, in generale, per cleaning industriale con i nuovi CAM 

Le imprese che vogliono lavorare nell’ambito della pulizia industriale delle PA, devono dotarsi di macchine sempre più green: sostenibili, in materiale riciclabile, riparabili e certificate.

A chiederlo sono i nuovi CAM, Criteri Ambientali Minimi, per il cleaning professionale nella pubblica amministrazione, da poco aggiornati.

I nuovi CAM definiscono un nuovo standard per le imprese del settore del cleaning che vogliono operare con la PA. Non solo nuove regole, ma anche nuovi criteri con cui scegliere macchine, attrezzature e detergenti da utilizzare.

Abbiamo già parlato dei nuovi CAM in questo articolo Nuovi CAM, Criteri Ambientali Minimi, per il cleaning professionale nella pubblica amministrazione, ora vogliamo soffermarci su che cosa cambia per le macchine per la pulizia dei pavimenti e, in generale, il cleaning industriale.

Requisiti generali per le macchine per la pulizia: premiato il riciclo

SCELTA A SECONDA DELL’USO

Il primo requisito è che la macchina venga scelta appositamente per quel determinato uso, a seconda delle caratteristiche dei locali e del tipo di sporco da trattare.

DURABILITÀ

Le macchine per la pulizia utilizzate devono rispondere a una progettazione volta a renderle il più durature possibile.

RICICLAGGIO

Anche i materiali di cui è composta la macchina devono poter essere riciclati (anche se come rifiuti speciali).

RIPARABILITÀ

Le macchine devono essere riparabili, quindi le parti soggette ad usura, danneggiamenti o malfunzionamenti devono essere rimovibili e sostituibili. I ricambi facilmente reperibili.

PLASTICA MARCATA

La plastica non è stata bandita, ma la parti in plastica della macchina devono essere marcate con la codifica della tipologia di polimero di cui sono composte in base
alla DIN 7728 e 16780 e la UNI EN ISO 1043/1.

Non basta però scegliere bene la macchina per la pulizia rispondente a tutti i criteri. È necessario anche dimostrare la rispondenza, predisponendo della documentazione dedicata.

La documentazione richiesta dai nuovi CAM

SCHEDE TECNICHE

  • Denominazione sociale del produttore, sede legale, luogo di fabbricazione del tipo e modello di macchina
  • Le emissioni acustiche espresse in pressione sonora
  • Percentuale (in peso) di plastica riciclata presente, rispetto al peso totale della plastica di cui è composta la macchina

MANUALE D’USO E MANUTENZIONE DELLE MACCHINE

  • Modalità operative d’uso e manutenzione
  • Istruzioni su come si può rimuovere lo sporco solido e/o liquido a fine lavoro
  • Descrizione operazioni di pulizia della macchina e le attività previste per il ripristino delle parti soggette ad usura
  • Informazioni su come reperire la documentazione per il corretto disassemblaggio della macchina a fine vita per il riciclaggio e lo smaltimento

L’Azienda che esegue il servizio deve anche tenere aggiornato e a disposizione il registro delle manutenzioni effettuate sulla macchina, che devono essere eseguite come suggerito dal produttore.

Criteri Premianti

I nuovi CAM prevedono anche dei Criteri Premianti, cioè un aumento di punteggio per le imprese che si impegnano a rispettare alcuni ulteriori requisiti ambientali, quali:

  • INNOVAZIONE: un criterio premiante è l’Adozione di tecniche di pulizia e sanificazione innovative che, a pari o superiore efficacia in termini di igiene e qualità microbiologica, siano migliori dal punto di vista ambientale.
  • IMPATTO AMBINETALE: capacità di ridurre gli impatti ambientali tramite la presentazione di uno studio di LCA comparativo conforme alle norme tecniche UNI EN ISO 14040 – 14044;
  • PRODOTTI SOSTENIBILI: uso di prodotti con una certificazione sull’impronta climatica UNI EN ISO/TS 14067 (CARBON FOOTPRINT) e/o uso di prodotti fabbricati da aziende con la certificazione SA 8000;

Ulteriori punti vengono dati alla machine che:

  • Il 15% (in peso) della plastica di cui sono composte è riciclata
  • Hanno un sistema controllo/monitoraggio e/o riduzione dei consumi energetici: come tecnologia per batterie e caricabatteria a maggiore efficienza; monitoraggio dei consumi e/o delle ricariche; modalità “ECO”
  • Presenza di sistemi di controllo per la riduzione dei consumi idrici
  • Presenza di sistemi di dosaggio detergente a bordo macchina
  • Hanno emissioni acustiche (pressione sonora), in base della norma UNI EN ISO 3744, inferiori ai 70 dB.