Torna l'ora legale: un’ora in avanti per tutti gli orologi
― Nella notte tra sabato 27 e domenica 28 marzo, alle 2 lancette avanti di un'ora

Nella notte tra sabato 27 e domenica 28 marzo, alle 2, saremo chiamati a sintonizzare gli orologi (i dispositivi che ancora non lo fanno da sé), un’ora avanti.

Da domenica, quindi, sarà possibile sfruttare un’ora di luce in più. Le ore di luce saranno di più e si potrà anche risparmiare un po’ sui consumi elettrici. Ci vorrà, però, qualche giorno prima di abituarsi al cambio dell’ora. L’orologio biologico dovrà adattarsi e l’organismo risentirà di un po’ di stanchezza.

L’ora legale resterà valida fino al 25 ottobre 2021, quando ci sarà un ritorno all’ora solare e le lancette verranno spostate indietro di un’ora.

L’anno scorso si era parlato di abolire l’ora legale, ma nel 2021 è a discrezione di ogni paese membro dell’Europa (previa approvazione dell’UE), scegliere se tenere l’ora solare o quella legale. In Italia si era discusso della questione anche in relazione ai ritmi di lavoro. In particolare, se l’Europa dovesse diventare un puzzle di fusi orari differenti, con gli orologi perennemente avanti/indietro di un’ora, gli spostamenti, la movimentazione e la logistica delle merci (e delle persone) potrebbero subire delle complicazioni. Complicazioni che si traducono in errori, ritardi… in poche parole: costi! Costi per le aziende, costi per i Paesi, costi anche per semplici turisti e viaggiatori.