Nel biennio 2020-2021 sono 2700 le nuove macchine Stage V introdotte nel parco noleggio del gruppo Kiloutou. “Promuovere la responsabilità ambientale fa da sempre parte della nostra vision – spiegano da Kiloutou Italia – L’obiettivo è diminuire l’impatto dei macchinari sull’ambiente attraverso il sempre più massiccio impiego di motori Stage V. Motori in grado di ridurre ulteriormente le emissioni di ossidi di azoto NOx, che hanno un impatto negativo sulla qualità dell’aria“.

Il NOx (diossido di azoto) è il principale inquinante tra gli ossidi di azoto e si forma in tutte le combustioni ad alte temperature. L’esposizione prolungata alle emissioni può causare patologie e complicazioni a livello respiratorio, oltre che danni sulla salute pubblica. Senza contare le conseguenze negative che ha sull’ambiente.

Nel settore della logistica, del movimento terra, del sollevamento e non solo, macchinari come escavatori, carrelli elevatori e piattaforme aeree negli ultimi anni sono stati dotati di nuove tecnologie proprio allo scopo di ridurre l’impatto ambientale e tutelare la salute degli operatori. Kilotou ha avviato una vera e propria rivoluzione in questo senso. Dal 2014 il gruppo è impegnato in una strategia ambientale che punta a ridurre del 40% le emissioni dirette di CO2 entro il 2030.

“Dalla sua creazione, Kiloutou concilia economia, ambiente e persone – ha sottolineato Olivier Colleau, CEO di KiloutouL’attività di noleggio di attrezzature, basata sul bilanciamento delle risorse, è completamente ancorata all’economia della condivisione e della durabilità. Da un punto di vista economico ed ecologico, questo modello è virtuoso in quanto il noleggio consente di ridurre le emissioni fino al 50% rispetto alle apparecchiature di proprietà durante il loro intero ciclo di vita. Ma, per vincere questa battaglia contro il cambiamento climatico, dobbiamo anche trovare nuove soluzioni con i nostri dipendenti, i nostri clienti, i nostri fornitori, enti pubblici e privati, scienziati, rappresentanti eletti locali e ONG“.

Quello di Kiloutou Italia è un modello che amplia e rafforza quanto avviato gli anni precedenti dal gruppo Cofiloc. L’azienda di San Biagio di Callata (TV) ha sempre dimostrato una particolare sensibilità ai temi ambientali, investendo ingenti risorse nell’architettura green delle filiali, come nell’acquisto di macchine in linea con i più elevati standard internazionali sulla riduzione dei consumi e delle emissioni.

La gamma di macchine Stage V Kiloutou comprende:

  • Microescavatori, midiescavatori e miniescavatori cingolati
  • Piattaforme articolate e piattaforme verticali
  • Sollevatori telescopici
  • Compressori d’aria