Guido Grimaldi, Presidente di ALIS

“Visto il ruolo fondamentale svolto dagli operatori del trasporto e della logistica fin dall’inizio, avevamo già richiesto di considerare tali categorie come prioritarie per la vaccinazione. Oggi lanciamo un appello al nuovo Governo ribadendo che è assolutamente necessario garantire una vaccinazione urgente per i lavoratori del settore al fine di tutelare la salute e la sicurezza nonché per consentire la regolare continuità degli approvvigionamenti nel Paese”. Il Presidente di ALIS, Guido Grimaldi, torna sulla necessità di tutelare in via prioritaria con il vaccino chi opera quotidianamente nel settore del trasporto e della logistica.

Siamo certi che, in linea con le dichiarazioni del presidente Draghi sull’importanza della logistica anche per la campagna vaccinale, il Governo porrà la giusta attenzione nei confronti di tutti quegli operatori che ogni giorno svolgono una funzione vitale nella catena di approvvigionamento globale, salvaguardando la consegna di merci e beni di prima necessità così come la distribuzione dei vaccini – aggiunge Grimaldi -. Ribadiamo quindi l’importanza di vaccinare una categoria così fondamentale per la comunità nazionale e per l’economia“.

Dai lavoratori marittimi agli equipaggi imbarcati sulle navi, dagli autisti che ogni giorno percorrono centinaia di chilometri sui loro camion ai macchinisti e tutte le figure del mondo ferroviario, dagli operatori portuali ed interportuali all’intero popolo del trasporto e della logistica. “Riponiamo grande fiducia nell’accoglimento della nostra richiesta – conclude il presidente di ALIS – specialmente a seguito del discorso programmatico del Presidente Draghi, nel quale ha sottolineato come la velocità nella campagna di vaccinazione sia essenziale non solo per proteggere gli individui e le loro comunità sociali, ma ora anche per ridurre le possibilità che sorgano altre varianti del virus”.

Leggi anche:

Vaccino Covid: massima priorità per gli operatori della logistica