― L’Inail ha pubblicato una nuova guida per le prime verifiche periodiche, questa volta rivolta agli apparecchi di sollevamento persone e ponti mobili sviluppabili

Anche i ponti mobili sviluppabili sono tra le attrezzature di lavoro soggette al regime di verifica periodica (secondo l’articolo 71 del decreto legislativo 81/08).

La prima verifica periodica deve essere effettuata quindi secondo particolari fasi tecniche, scheda e verbale devono inoltre essere compilate secondo precise modalità.
La finalità delle verifiche periodiche, a cui devono essere sottoposte queste attrezzature, è preservarne l’efficienza, in modo che gli operatori possano servirsene in sicurezza.

Spetta all’Inail (direttamente o avvalendosi di soggetti pubblici o privati abilitati) occuparsi della prima di tali verifiche, attraverso le Unità operative territoriali che operano sull’intero territorio nazionale.
Per questo motivo sono state realizzate delle linee guida che uniformano il le verifiche su tutto il territorio.
Le linee guida contengono:

  • Descrizione dettagliata dei ponti mobili e principali caratteristiche costruttive
  • Attività tecnica di prima verifica periodica
  • Compilazione della scheda tecnica dell’attrezzatura e del verbale di prima verifica

Tali istruzioni non sono vincolanti, ma sono un’occasione per armonizzare su scala nazionale dell’approccio alla prima verifica periodica, definendo modalità per la conduzione delle prove e dei riscontri che possano essere di pratica utilità per tutti i soggetti coinvolti, anche al fine di garantire all’utenza indicazioni e comportamenti coerenti.

I ponti mobili sviluppabili su carro possono essere di due tipi:

  1. ponti mobili sviluppabili su carro ad azionamento motorizzato
  2. ponti mobili sviluppabili su carro ad azionamento manuale

I primi devono essere sottoposti a verifica annuale, i secondo biennale.

È compito del datore di lavoro, che possiede il ponte mobile, comunicare la messa in servizio dell’attrezzatura e richiedere la prima verifica periodica (d.m. 11 aprile 2011).

Già la legislazione vigente prima del d.lgs. 81/08 (con gli articoli 25 del d.p.r. 547/55 e 6 del d.m. 12 settembre 1959), prevedeva collaudi e verifiche annuali per queste attrezzature; in particolare il fabbricante doveva chiedere il collaudo del ponte mobile sviluppabile all’ufficio competente per territorio dell’Enpi (poi Ispesl), prima della loro cessione agli utenti o ai rivenditori.

Oggi (come previsto dal d.lgs. n.17 del 27 gennaio 2010 e precedentemente dal d.p.r. 459/96) il fabbricante, all’atto dell’immissione sul mercato o della prima messa in servizio, si accerta dell’idoneità all’impiego della macchina verificando che essa possa compiere le funzioni previste in condizioni di sicurezza.

Rimangono soggetti al previgente regime omologativo, effettuato in via esclusiva dall’Inail, i ponti mobili sviluppabili senza marcatura CE che, non già precedentemente sottoposti ad omologazione, non abbiano subito modifiche sostanziali tali da richiedere una nuova marcatura CE. In quest’ultima eventualità il datore di lavoro dovrà allegare alla denuncia di messa in servizio, oltre alla documentazione tecnica prevista, un atto certo che possa dimostrare che la prima immissione sul mercato europeo sia precedente al 31 dicembre 1996.
Solo dopo l’omologazione tali attrezzature seguiranno il regime di verifiche periodiche successive alla prima previsto dal d.lgs. 81/08.

Per i ponti mobili sviluppabili marcati CE, la cui messa in servizio non sia stata ancora comunicata ad un dipartimento territoriale Ispesl o ad una UOT Inail e pertanto senza matricola Ispesl o Inail, il datore di lavoro dovrà procedere alla comunicazione di messa in servizio e alla successiva richiesta di prima verifica periodica all’Inail.

I ponti mobili sviluppabili già sottoposti a verifiche periodiche da parte di Asl/Arpa prima della data di entrata in vigore del d.m. 11 aprile 2011 (23 maggio 2012), pur in assenza del libretto delle verifiche rilasciato da Ispesl, come previsto dalle procedure di cui alla Circolare M.I.C.A. n.162054 del 1997 rimangono nel regime delle verifiche periodiche successive alla prima.

Cerchi piattaforme aeree in vendita? Vai su www.tuttocarrellielevatori.it/cerca-piattaforma-aerea e trova tra tanti annunci, la piattaforma che stai cercando.