― Intervista a Fernando Della Casa, Amministratore DEC, azienda di Modena che opera da tre generazioni nel settore della movimentazione orizzontale

All’interno di un’azienda, di un magazzino, di uno stabilimento produttivo, la movimentazione è un aspetto operativo che può segnare la differenza tra una realtà efficiente e una inefficiente.

Se ad incidere sono anche aspetti come i percorsi predisposti per le merci, la scelta delle scaffalature e l’organizzazione del personale, pensate quanto può influire il tipo di macchina utilizzata per la movimentazione.

L’ideale sarebbe avere una macchina costruita su misura per ogni situazione! Utopistico? Non proprio!

Ne abbiamo parlato con Fernando Della Casa, Amministratore DEC, azienda di Modena che opera nel settore della movimentazione orizzontale e che ha le proprie radici nella azienda storica che negli anni 50 già operava in tale settore.

Negli ultimi anni l’offerta di DEC si è specializzata sui trattori elettrici, in combinazione con lavasciuga pavimenti professionali.

La sua gamma è vastissima, proprio grazie alla capacità caratteristica di DEC di saper recepire e trasformare in una macchina le esigenze di ogni singolo cliente.

Ma, visto che quello che devono fare è semplicemente trainare dei rimorchi più o meno grandi, serve davvero una gamma così ampia di trattori elettrici?
“Effettivamente è un dubbio legittimo per i non addetti ai lavori – spiega Della Casa, che continua – ma bisogna approfondire l’argomento, come facciamo noi da 25 anni. Si! È da 25 anni che produciamo trattori elettrici raccogliendo le richieste dai nostri clienti e ascoltando le loro necessità.

Nella semplice attività di traino ci sono tante variabili da considerare per scegliere il trattore elettrico più adatto. Caratteristiche che deve avere la macchina per la tipologia di merce da movimentare, ma che dipendono anche dagli spazi a disposizione. Solo per citarne alcune: la capacità di traino e di carico, la velocità, la capacità di superare rampe, gli spazi di manovra a disposizione, la tipologia di guida per favorire le operazioni da svolgere e la tipologia dei percorsi, l’autonomia, e tante altre caratteristiche e prestazioni.

L’analisi di tutti questi aspetti, fatta in tutte le situazioni nelle quali i nostri clienti ci hanno chiamati in causa, ci ha portato ad avere in gamma, a tutt’oggi, 20 modelli base che vanno dagli 800 kg di traino alle 25 tonnellate”.

I modelli DEC possono essere suddivisi in 6 grandi famiglie:

  • Trainatori
  • Trattori con uomo a bordo a tre ruote
  • Trattori con uomo a bordo a quattro ruote
  • Trattori con operatore a bordo in piedi
  • Trattori con pianale di carico
  • Trattori di vario genere customizzati

Si tratta di una vasta tipologia di macchine in grado di rivolgersi a vari settori.

L’automotive è uno dei comparti nel quali DEC è più presente, collaborando con diversi top player europei. Ma non solo. “Abbiamo fornito molti mezzi al settore ospedaliero – racconta sempre l’Amministratore – a quello aereoportuale, al ferroviario , all’industriale e alla logistica.Sempre di più si tende a differenziare la movimentazioni merci in verticale e orizzontale dalla pura movimentazione orizzontale. Da qui deriva l’esigenza di avere mezzi specializzati per tale movimentazione: si tratta di un trend comune, che abbiamo rilevato in praticamente tutti i settori nei quali lavoriamo. Questo non fa che confermare l’esattezza nella nostra scelta volta alla customizzazione.

Ogni macchina DEC è prodotta da DEC. Fanno parte del suo know how applicato:

  • motorizzazioni e sistemi di controllo AC,
  • batterie al Litio integrate nelle macchine,
  • sistemi di sicurezza (radar di prossimità, controllo velocità in funzione degli ambienti di lavoro…)
  • data logger con tutte le funzioni attive e registrate in cloud
  • applicazioni elettroniche varie studiate appositamente per i clienti

Ogni macchina DEC nasce da un’idea: la richiesta del cliente recepita dal commerciale. Successivamente l’idea diventa progetto esecutivo ad opera dello studio tecnico. Il progetto esecutivo si realizza in un prototipo che diventa macchina preserie e infine trattore elettrico di serie inserito nella gamma DEC.

“Siamo una media azienda – conclude Della Casae come tale siamo molto disponibili e sensibili alle richieste della nostra clientela. Sono proprio la nostra dimensione ed elasticità a consentirci di creare una nicchia di mercato difficilmente aggredibile da parte dei grandi del settore.

Ma non dipende solo dalla nostra dimensione di media azienda. Riusciamo a fare questo anche perché siamo sempre attenti alle tecnologie e all’innovazione del settore, sempre aggiornati se non all’avanguardia”.

Curiosità: sapete chi sono i Bullisti?

“In una grande azienda automobilistica italiana i guidatori di trattori elettrici si chiamano Bullisti: la ragione è che il trattore DEC più venduto si chiama Bull. Pensate quante nostre macchine lavorano in quella azienda dislocata in tante parti di Italia”.