Dalla pandemia che ha reso impossibile organizzare la seconda edizione del Green Logistics Expo, ha preso vita un nuovo evento: il Green Logistics Intermodal Forum

Andato in onda interamente online, lo scorso 12 e 13 novembre, è stata un’occasione decisamente ben riuscita per dialogare e confrontarsi sulla logistica sostenibile.

I numeri del Green Logistics Intermodal Forum

Nel comunicato stampa ufficiale di chiusura dell’evento i numeri parlano chiaro:

  • 1.103 utenti attivi
  • 90 stand digitali
  • 67 eventi
  • 470 appuntamenti business realizzati
  • migliaia di contatti generati (biglietti da visita scambiati online, visite agli spazi digitali…)

Un successo non solo per l’evento ma anche per piattaforma sviluppata da Fiera di Padova. Semplice, intuitiva ed efficace, ha permesso ai visitatori di assistere all’evento e visitare proprio stand virtuali personalizzabili con immagini, filmati, webinar e videocall.

Il commento di Luca Veronesi, direttore generale di Fiera di Padova

“È grazie a questa piattaforma che in questi due giorni i visitatori e gli espositori hanno potuto incontrarsi per valutare nuove opportunità di business in assoluta sicurezza e senza alcuna barriera rappresentata dalla distanza geografica. L’entusiasmo con cui è stato accolto questo evento virtuale sottolinea le necessità da parte degli operatori momenti di confronto, dialogo e business che solo le Fiere sono in grado di dare. Bisogna però sottolineare che questa tipologia di esperienza non è studiata per sostituire del tutto le fiere “fisiche”, perché in ogni relazione umana, anche in quelle commerciali, c’è un’esigenza di contatto reale. Si tratta piuttosto di una opportunità molto interessante per il futuro, anche quando questa pandemia cesserà, per allargare il raggio d’azione delle Fiere sia in termini spaziali che temporali. Possiamo infatti coinvolgere operatori che non sarebbero mai potuti arrivare a Padova, ma anche far vivere gli spazi espositivi in un momento diverso di quello di una fiera tradizionale”.

Di grande qualità anche i contenuti emersi nei due eventi principali.

Il primo dedicato all’intermodalità e al ruolo di interporti e porti, ha evidenziato il ruolo che la logistica, e il trasporto intermodale in particolare, hanno svolto nei mesi del lockdown per l’economia e la tenuta sociale del Paese. Tutti i relatori hanno convenuto con la necessità di partire da qui per mettere la logistica al centro del dibattito pubblico e politico del prossimo futuro, sia per le necessità infrastrutturali del settore sia per quelle di governance e gestione delle attività quotidiane.

I leader di settore hanno sottolineato la necessità di muoversi assieme, mettendo da parte i particolarismi e interloquendo come “SISTEMA LOGISTICO” nazionale. Un concetto abbracciato anche durante il secondo evento dai promotori e sottoscrittori della Carta di Padova, il documento che fa proprio l’impegno a favore di una logistica sempre più sostenibile da un punto di vista ambientale, certo, ma anche sociale ed economico. Un “manifesto” che ha avuto un notevole riscontro sui media di settore e generalisti e che vede per la prima volta unite in un progetto comune realtà della logistica, del mondo della produzione e di quello dei consumatori.

Green Logistics Expo dà appuntamento con la logistica sostenibile
dal 23 al 25 marzo 2022 presso la Fiera di Padova