Con il nuovo Dpcm firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a distanza di una settimana dalle ultime restrizioni imposte per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, il governo ha adottato nuove misure limitative che riguardano l’intero Paese. Regole che saranno valide a partire da lunedì 26 ottobre e fino al 24 novembre.

Quali sono le principali nuove misure?

Spostamenti

Al momento, non sono stati imposti divieti sullo spostamento tra regioni, ma il governo con il decreto ha fortemente raccomandato di non spostarsi, con mezzi pubblici o privati, fuori dal proprio comune di residenza salvo che per comprovate esigenze di salute, di lavoro o altre necessità.

Bar e ristoranti

Tutti i locali, bar, ristoranti, pub, pasticcerie e gelaterie potranno rimanere aperti nei giorni feriali dalle 5 alle 18. Oltre questo orario, è vietato consumare cibo e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Nei giorni festivi e di domenica, se all’inizio era stata annunciata una possibile chiusura, il governo ha poi fatto retrofront, consentendo l’apertura a pranzo.

Come ci si dovrà comportare nei locali? Il consumo al tavolo è consentito fino a un massimo di quattro persone, salvo che si tratti di conviventi. È consentita la libera ristorazione nelle strutture ricettive, ma limitata ai propri clienti.

Resta possibile, per i ristoranti e i locali in generale, effettuare consegne a domicilio o per asporto anche oltre le 18 e fino alle 24.

Lavoro e scuola

Per quanto riguarda il lavoro, il governo ha raccomandato di ricorrere quanto più possibile allo smart working sia nel settore pubblico che in quello privato. Nelle scuole superiori sarà adottata la didattica a distanza per il 75% delle lezioni.

Sport, cinema e teatri

Chiuse le palestre, le piscine, gli impianti sciistici e i centri benessere e termali. Il premier Conte già la settimana scorsa aveva preannunciato una possibile chiusura di palestre e piscine, che adesso è stata confermata. Sono stati sospesi anche gli spettacoli a teatro, i concerti e i cinema rimarranno chiusi.

SCARICA QUI IL TESTO DEL NUOVO DPMC