― Domenica 18 ottobre il Premier Conte annuncia l'introduzione di nuove misure restrittive per contenere i contagi ed evitare un nuovo lockdown

In queste settimane i contagi hanno ricominciato a salire, complice l’inizio della scuola, la ripresa di molte attività e l’avvio della stagione delle influenze.

Per evitare di tornare ad appesantire il sistema sanitario nazionale, ed evitare anche un nuovo lockdown, che metterebbe a dura prova il sistema economico e le attività, il Premier Conte ha introdotto delle nuove misure restrittive.

Per cercare di alleggerire lo spostamento delle persone il nuovo dpcm chiede alle scuole secondarie e alle università di introdurre ingressi a orari scaglionati e, se possibile, ricorrere a turni pomeridiani. Incentivato lo smart working nelle pubbliche amministrazioni, dove le riunioni devono avvenire a distanza.
Le attività scolastiche continueranno in presenza per asili, scuole elementari e medie.

I sindaci possono decidere il coprifuoco alle 21, instaurando così delle zone rosse localizzate.

Nei bar e ristoranti è permesso il servizio ai tavoli dalle 5 alle 24. Sono fino alle 18.00 in assenza di consumo al tavolo. Consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e, fino alle 24, la ristorazione con asporto (con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze). Si potrà stare per un massimo di sei persone per singolo tavolo.
Nessuna limitazione di orari negli ospedali, negli aeroporti e lungo le autostrade.

Le palestre hanno una settimana di tempo per allinearsi ai protocolli di sicurezza. Al termine della settimana saranno prese decisioni sulle chiusure per chi non rispetterà tali protocolli. Per ora, quindi, le palestre rimangono aperte.

Il commento di Conte

“La strategia non è e non può essere la stessa della primavera: in questi mesi abbiamo lavorato intensamente. Il Governo c’è ma ciascuno deve fare la sua parte. Le misure più efficaci restano le precauzioni di base: mascherina, distanziamento e igiene delle mani. Facciamo attenzione nelle situazioni in cui abbassiamo la guardia, con parenti e amici. In queste situazioni occorre massima precauzione. Dobbiamo tutelare la salute ma anche l’economia, nel segno dell’adeguatezza e proporzionalità”.

Consulta lo Speciale Coronavirus per essere sempre aggiornato:

SPECIALE CORONAVIRUS