― Scuole aperte: ora il ruolo chiave è riservato al cleaning, anche nella scuola sono essenziali le procedure di sanificazione e igienizzazione, praticamente le sole attività in grado di garantire alti livelli di sicurezza. Di seguito le linee guida ISS e INAIL

Questa settimana le scuole hanno riaperto i battenti quasi in tutta Italia. Chiuse dallo scorso marzo, finalmente i ragazzi possono tornare sui banchi.

La pandemia di Covid-19 aveva costretto anche i ragazzi a casa, considerando le scuole, in quanto luoghi di grande aggregazione, potenziali grossi focolai.

Ci sono molte riserve sull’apertura delle scuole: da un lato si vuole dare precedenza all’istruzione e alla cultura, dando ai ragazzi e alle loro esigenze la centralità che meritano. Dall’altro si vuole preservare la salute pubblica, evitando una nuova diffusione dell’infezione.

Per questo la scuola riapre ma nel rispetti di precise regole: utilizzo delle mascherine e distanziamento i principali.

In tutta questa delicata situazione, un ruolo chiave è riservato al cleaning. Come per tutti gli altri luoghi pubblici, anche nella scuola sono essenziali le procedure di sanificazione e igienizzazione, praticamente le sole attività in grado di garantire alti livelli di sicurezza.

Scarica di seguito:

ISS – Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia

INAIL – Istruzioni per l’uso Gestione delle Operazioni di Pulizia, Disinfezione d Sanificazione delle Strutture Scolastiche

A pronunciarsi su questo tema è stato il Presidente di A.N.I.D., Associazione Nazionale Imprese di Disinfestazione, Marco Benedetti che ha voluto porre l’accento sull’importanza delle azioni in grado di assicurare ai ragazzi, al personale e ai collaboratori, le migliori condizioni di sicurezza possibili, per un sereno e corretto svolgimento delle attività scolastiche. Proprio alla luce di tale rilevanza, A.N.I.D. si dice preoccupata che le operazioni di sanificazione degli ambienti possano essere effettuate da personale privo dell’adeguata formazione. Infatti, le operazioni di sanificazione sono in sé delicate, complesse, divenendo altresì rischiose ove effettuate da operatori non qualificati e formati come risulta essere il personale della scuola.

Sulla nota apparsa nel sito dell’Associazione si legge che: L’esperienza vissuta nei mesi appena trascorsi, peraltro, ha ampiamente dimostrato la fondamentale importanza che riveste l’effettuare operazioni di disinfezione e sanificazione esclusivamente attraverso operatori qualificati, e ciò è ancor più rilevante in contesti ambientali quali comunità e luoghi intensamente frequentati. Gestire con efficacia ed efficienza tali operazioni, mitigando nel contempo i rischi per la salute e l’ambiente, contempla giocoforza l’impiego di maestranze formate a precise competenze difficilmente riscontrabili nel personale interno alla scuola. Il Presidente Marco Benedetti, rammentando che in materia di sanificazione “anti CoVid-19” A.N.I.D. ha prodotto delle apposite linee guida, in materia auspica pertanto un solerte coinvolgimento dei professionisti del settore.

Per quanto di competenza e come già in passato, quindi, allo scopo di assicurare ambienti sanificati e sicuri A.N.I.D. si rende disponibile a dare il proprio contributo perché le misure previste siano attuate in maniera corretta e consona.