bonus sanificazione
― Con il decreto Rilancio è stato approvato un credito d'imposta del 60 per cento per le spese di sanificazione. Le istruzioni su come presentare richiesta

Un credito d’imposta del 60 per cento per le spese di sanificazione degli ambienti, per l’acquisto degli strumenti necessari, i dispositivi di protezione individuale e quelli per tutelare la salute dei lavoratori. In un provvedimento emesso lo scorso 10 luglio dall’Agenzia delle Entrate sono indicate le linee guida per le imprese per ottenere il beneficio messo a disposizione dal governo con il Decreto Rilancio, che non potrà superare i 60mila euro.

Chi ha diritto al credito d’imposta

Il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro è riconosciuto “ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione in luoghi aperti al pubblico, alle associazioni, alle fondazioni e agli altri enti privati, compresi gli enti del terzo settore“. Il beneficio è previsto in riferimento alle spese necessarie alla riapertura in sicurezza delle attività.

Consulta qui l’elenco delle attività ammesse al credito d’imposta

Come presentare domanda per ottenere il credito d’imposta

I soggetti aventi i requisiti devono comunicare all’Agenzia delle Entrate l’ammontare delle spese ammissibili sostenute fino al mese precedente alla data di sottoscrizione della comunicazione e l’importo che prevedono di sostenere successivamente, fino al 31 dicembre 2020.

Scarica qui il modulo per la comunicazione delle spese ammissibili

Il modulo può essere inviato esclusivamente con modalità telematiche attraverso:

  • Il servizio web disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate
  • I canali telematici dell’Agenzia delle Entrate

A seguito della presentazione della comunicazione verrà rilasciata, al massimo entro 5 giorni, una ricevuta che ne attesta la presa in carico, ovvero lo scarto, con l’indicazione delle relative motivazioni. La ricevuta viene messa a disposizione del soggetto che ha trasmesso la comunicazione, nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.

Quando presentare la richiesta

La comunicazione può essere presentata dal 20 luglio 2020 e fino al 7 settembre 2020. Il limite di spesa è pari al 60 per cento delle spese complessive risultanti dall’ultima comunicazione presentata, in assenza di successiva rinuncia. Il credito d’imposta richiesto non può superare il limite di 60mila euro.

Cessione del credito d’imposta

Fino al 31 dicembre 2021 i soggetti aventi diritto al credito d’imposta possono optare per la cessione, anche parziale, del credito stesso ad altri soggetti, inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari. La cessione può riguardare esclusivamente la quota del credito relativa alle spese effettivamente sostenute, nei limiti dell’importo fruibile.

La comunicazione della cessione deve avvenire esclusivamente a cura del soggetto cedente con le funzionalità rese disponibili nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate e può avvenire a decorrere dal primo ottobre 2020.