― Afidamp ha realizzato una guida molto completa e interessante che prende in esame le più importanti famiglie di macchine da pulizia, analizzandone il possibile utilizzo come soluzione anti-covid

La pandemia da Covid-19 ha scatenato una corsa al cleaning.
Mossi dalla volontà di stare in ambienti sicuri, o dall’obbligo di rispettare le nuove normative, tutti ci siamo trovati alle prese con macchine e dispositivi per la pulizia.

In questa situazione si sono trovate in particolare le Aziende che, senza dotarsi di mezzi sanificanti, non avrebbero neanche potuto aprire i loro spazi a dipendenti e collaboratori.

Ma tra tutte le macchine dedicate alle pulizie degli ambienti, quali sono veramente efficaci per contrastare questo particolare virus? Quali sono le macchine più adatte per i diversi ambienti? Come scegliere in base alle esigenze?

A rispondere a tutte queste domande ci ha pensato Afidamp – Associazione dei Fabbricanti e Distributori Italiani di Macchine, Prodotti e Attrezzi per la Pulizia Professionale e l’Igiene degli ambienti, con una guida molto completa e interessante che adesso cerchiamo di analizzare.

La guida presenta le più importanti famiglie di macchine da pulizia, utilizzate in ambito professionale, con evidenziate le soluzioni specifiche da considerare per un loro impiego in ambienti dove ci sono stati casi accertati di Covid-19 o in attività di sanificazione preventiva.

Si tratta sempre di trattamenti che devono essere compiuti da operatori adeguatamente formati, sia per motivi di sicurezza, sia per essere certi di ottenere il risultato di igienizzazione, sanificazione o disinfezione desiderato.

Macchine spazzatrici

La spazzatrice serve per raccogliere sia lo sporco grossolano che la polvere fine su praticamente tutte le superfici. Possono essere condotte da un operatore a bordo o a terra, ma ne esistono anche di completamente robotizzate.

Per quanto riguarda le soluzioni per contrastare il Covid-19, queste macchine possono essere utili per ridurre lo sporco nelle aree esterne in modo da evitare che arrivi negli spazi interni. Per l’uso interno bisogna assicurarsi che la macchina sia dotata di sistemi idonei per la ritenzione delle polveri e di filtri adeguati.

Lavasciugapavimenti

La lavasciugapavimenti è una macchina che pulisce le superfici tramite l’azione meccanica abrasiva delle spazzole e l’azione chimica dei detergenti utilizzati insieme all’acqua.

Queste macchine possono essere utilizzate per contrastare il Covid-19 se dotate di paraspruzzi laterali e filtri HEPA, se erogano disinfettanti posteriormente dopo l’asciugatura, se hanno tecnologie particolari per la disinfezione dei serbatoi (ozono, UV, materiali antibatterici o antivirali). Lavorando in umido, le lavasciugapavimenti sono da considerarsi sicure per l’uso all’interno degli edifici.

Monospazzola

Macchina dedicata al lavaggio di pavimenti duri e tessili, alla lucidatura, alla
raschiatura, alla cristallizzazione e alla rilevigatura di pavimentazioni in marmo e parquet.

Per la pulizia di contrasto al Covid-19 può essere molto utile per rimuovere lo sporco più difficile prima di effettuare l’attività di disinfezione.

Aspirapolvere e Aspirapolvere/liquidi

Parliamo delle macchine che rimuovono lo sporco (polvere o anche liquidi) tramite aspirazione, creando una depressione all’interno di un contenitore chiuso.

Il loro utilizzo nel contrasto al Covid è strettamente legato ai filtri che devono essere necessariamente HEPA o ULPA, per evitare remissioni in ambiente. A livello internazionale,
è stata istituita una normativa di prodotto specifica per gli aspirapolvere destinati ad
aspirare sostanze pericolose per la salute.
Per l’utilizzo di queste macchine per il contrasto al coronavirus vengono valutati anche altri elementi legati ad esempio alla sicurezza, il design funzionale, blocchi del filtro, modalità di raccolta e smaltimento, presenza di tappi e ganci di sicurezza, segnalatori visivi o acustici, produzione di documentazione varia.

Battitappeti

Anche questa è una macchina dedicata all’eliminazione della polvere tramite azione abrasiva e aspirazione. È utilizzata soprattutto per la pulizia di moquette.

La sua efficacia anti Covid-19 è connessa alla presenza di un filtro HEPA.

Macchina a iniezione/estrazione

Si tratta di una macchina destinata alla pulizia di moquette e tessuti. Funziona erogando una soluzione di acqua e detergente sulla superficie per poi aspirare immediatamente tale soluzione, rimuovendo così anche lo sporco.

Il sui utilizzo anti Covid-19 è legato alla dotazione di filtri assoluti HEPA o ULPA e di prodotti chimici funzionali alla detersione, igienizzazione o disinfezione. Poiché, per caratteristica stessa della macchina, la soluzione detergente rimane per breve tempo a contatto con la superficie da pulire, è necessario valutare bene la scelta del detergente da utilizzare per ottenere una reale azione biocida.

Idropulitrice

Macchina destinata alla pulizia delle superfici (non troppo delicate) tramite un getto d’acqua
(fredda o calda) ad alta pressione. La forza del getto può essere abbinata all’utilizzo di detergente.

Come soluzione anti Covid-19 può essere utilizzata in aree esterne, dove si predilige l’azione della pressione dell’acqua all’efficacia di agenti chimici (arredamento urbano, piscine pubbliche, industrie alimentari…). Molto importante comunque, per l’igienizzazione, l’uso di acqua ad alta temperatura e, dove possibile, il ricorso a detergenti.

Generatori di vapore

Macchine concepite per la pulizia di superfici resistenti all’acqua e a temperature elevate. Sfruttano il vapore anche abbinato, talvolta, anche al detergente. Sono classificati in base al tipo di caldaia e quindi al tipo di vapore che producono.

Il vapore, soprattutto se abbinato a prodotti professionali, ha un effetto detergente e biocida. I generatori di vapore sono particolarmente utili in zone difficili da raggiungere come fughe, fessure o tagli. Per una pulizia più efficace è consigliabile l’utilizzo di accessori in combinazione a panni in microfibra, che contengono la dispersione di vapore e temperatura.

Sprayer nebulizzatori e atomizzatori

Dispositivi che funzionano erogando un liquido sottoforma di getto di gocce. Si dinsingioni per le dimensioni del contenitore della soluzione che viene erogata, possono essere da zaini a cisterne di grandi dimensioni che devono essere trainate.

Si tratta di soluzioni anti Covid-19 essenziali per l’attività di sanificazione. Gli sprayer consentono infatti di spruzzare biocidi (PMC) o disinfettanti in forma nebulizzata o atomizzata su superfici orizzontali, verticali, davanti, dietro e all’interno di oggetti. Un’operazione che, effettuata dopo l’attività di pulizia infatti, consente di posare in modo uniforme, senza sgocciolamenti, la soluzione disinfettante (battericida, virucida, etc).

Per un ulteriore approfondimento, completo di tutti i riferimenti normativi: vedi qui la guida realizzata da Afidamp.