tasse
― Condizione fondamentale è la riduzione del fatturato tra aprile 2020 e aprile 2019 di almeno un terzo. Chi ne ha diritto e come fare richiesta

I beneficiari sono pmi, lavoratori autonomi e titolari di reddito agrario. Per averne accesso si deve dimostrare una riduzione del fatturato superiore a un terzo ad aprile 2020 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. E’ questa la condizione sine qua non per richiedere il contributo a fondo perduto, una delle misure contenute nel Decreto Rilancio, approvato nei giorni scorsi e che contiene una serie di provvedimenti adottati dal governo per sostenere l’economia italiana nella fase 2 dell’emergenza sanitaria legata al Covid 19.

A quanto ammonta il contributo a fondo perduto?

Si parte da mille euro per le persone fisiche e da duemila euro per le imprese. La somma viene stabilita sulla base di alcuni calcoli relativi al fatturato ed è esentasse.

Chi ha diritto al contributo a fondo perduto?

Possono accedervi “soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita Iva con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a cinque milioni di euro”. Una delle condizioni fondamentali per ottenere il contributo è la riduzione del fatturato ad aprile del 2020 di oltre un terzo rispetto ad aprile 2019.

Come calcolare il contributo?

Dopo aver quantificato la differenza di fatturato, a questa cifra si deve applicare una percentuale, che varia a seconda degli incassi:

  • 20 per cento per chi nel 2019 ha fatturato fino a 400mila euro
  • 15 per cento per aziende e partite Iva con fatturato 2019 tra 400mila e un milione di euro
  • 10 per cento per chi ha fatturato nel 2019 tra uno e cinque milioni di euro

Come richiedere il contributo a fondo perduto?

La domanda va presentata all’Agenzia delle Entrate, che nei prossimi giorni fornirà le linee guida. Dal momento in cui verrà attivata la procedura, i beneficiari avranno tempo 60 giorni per la richiesta e, successivamente, otterranno il contributo direttamente sul conto corrente.