― Progettato secondo i più avanzati criteri antisismici su basi mobili, coniuga la massima sicurezza ad una tecnologia sofisticata di movimentazione, garantendo un alto livello di personalizzazione

Tegola Canadese è una società del Gruppo IWIS, un’azienda specializzata nella produzione e commercio di tegole bituminose e fotovoltaiche. L’azienda nasce nel 1977 e diventa leader nel settore a livello globale, con rivenditori in tutti i continenti, circa in 70 paesi.

Per l’azienda con sede a Vittorio Veneto (TV), il magazzino è il cuore pulsante dell’attività. La funzione logistica è strategica: coordina le diverse fasi dall’acquisizione delle materie prime allo stoccaggio, all’interno dei 16 mila mq dello stabilimento.
Per questa ragione, l’azienda ha optato per una modernizzazione strutturale dell’intero impianto al fine di ottimizzare la capacità di stoccaggio e innalzare i livelli di efficienza nella movimentazione dei materiali, tenendo saldo il concetto che la sicurezza per gli operatori dovesse essere uno dei primi requisiti da tenere in alta considerazione.

Jungheinrich, partner attento alle esigenze intrinseche

L’esigenza era quella di ottimizzare gli spazi e per farlo, Jungheinrich ha pensato ad una struttura compattabile su 45 basi mobili, con una pavimentazione ristrutturata secondo criteri antisismici per una capienza di quasi 6.000 unità di carico speciali.
Grazie al progetto studiato e messo a punto da Jungheinrich, le corsie delle scaffalature si aprono e chiudono seguendo gli input degli operatori guidati dal sistema WMS mentre i sensori diffusi su tutto l’impianto garantiscono la fluidità dei movimenti e la massima sicurezza dell’intero sistema, pronto a bloccarsi in caso di attività non riconosciuta.
La ristrutturazione ha previsto anche un rinnovamento dell’intera flotta dei carrelli utilizzati con l’introduzione di 23 nuovi frontali elettrici della serie 4 Jungheinrich.

“Abbiamo scelto Jungheinrich perché è stato l’unico fornitore in grado di offrirci un servizio a 360 gradi che includesse sia l’impianto compattabile che il nuovo parco carrelli – ha dichiarato Ezio Arnosti, Chief of Logistics Department di Tegola Canadese -. Jungheinrich si è rivelato un partner affidabile e ci ha fornito una soluzione chiavi in mano con un servizio degno del suo nome. La soluzione progettata, infatti, ha garantito l’implementazione di una soluzione tecnica ottimale nei tempi stabiliti e senza interruzioni di produzione e servizio”.

Per l’impianto compattabile, Tegola Canadese è riuscita – grazie all’intervento di Jungheinrich – a ottimizzare il 10% in più rispetto alla capienza precedente, a fronte di un’operatività migliorata del 30%.

“Oggi, è più semplice reperire i materiali, lo stoccaggio è stato ottimizzato in funzione dello spazio e soprattutto i livelli di sicurezza sono stati incrementati in maniera importante per tutti gli operatori che lavorano all’interno dello stabilimento – ha proseguito Arnosti. – Per la realizzazione dell’impianto abbiamo usufruito di tutti gli sgravi fiscali di Industria 4.0, interconnesione completa con il sistema centrale. Con Jungheinrich abbiamo inoltre avviato un progetto di sostituzione di tutti i carrelli elevatori del Gruppo IWIS di cui fa parte Tegola Canadese. Dalla filiale di Padova siamo riusciti a estendere il progetto di sostituzione del nostro parco macchine in quasi tutti gli stabilimenti Gruppo quindi possiamo parlare di un progetto a tuttotondo, nato da noi ma poi esteso anche su TeMa Technologies che è la seconda azienda più grande del gruppo e altrove. Si tratta di carrelli nuovi, accessoriati con tutti i comfort e pensati in funzione delle nostre esigenze aziendali”.

Ciò che il Gruppo ha apprezzato in particolar modo è stata la cura dei dettagli e l’assistenza personalizzata offerte da Jungheinrich, sia in fase di trattativa che al momento dell’implementazione.

“La scelta non è stata casuale – ha concluso Arnosti -. Nella realizzazione di questo progetto Jungheinrich è stato scelto come l’interlocutore unico capace di padroneggiare tutte le tecnologie necessarie, dai sistemi di scaffalatura ai sistemi di movimentazione, ai WMS e ai carrelli, con una storia importante di forniture ad alto valore aggiunto”.


IWIS Holding nasce con il primo stabilimento a Vittorio Veneto a cui ne seguiranno, negli anni, altri 17. Impianti industriali in Europa, Russia e America permettono al gruppo di ottenere performance competitive e di soddisfare pienamente la domanda di prodotti sempre nuovi. Protagonista dei cambiamenti che migliorano la qualità del lavoro e dei manufatti edili, la holding mette in campo l’esperienza made in Italy di rimodellare gli impianti con cui assicura efficienza e altissimi standard di qualità del prodotto. Il valore aggiunto del gruppo è l’aver avviato una rivoluzione logistica che consente la consegna dei prodotti fino al rivenditore finale, talvolta persino al cantiere. Un sistema collaudato e unico che consente di ottimizzare i carichi tenendo conto dei volumi, pesi, percorsi col fine ultimo di ridurre i costi e aumentare la tempestività dei servizi.