― La donazione per consentire all'azienda sanitaria di dotarsi di una partita straordinaria di mascherine per affrontare l'emergenza Coronavirus

Centomila euro. È il contributo donato dal gruppo Ama all’Usl Irccs di Reggio Emilia per l’acquisto di una partita straordinaria di dispositivi medici e mascherine per il personale sanitario impegnato nella lotta al Coronavirus. La donazione rientra in quella che in questi ultimi giorni si sta dimostrando una vera e propria gara di solidarietà per dare, ognuno a proprio modo, un sostegno sia economico che morale agli operatori in questo momento così difficile, durante il quale anche gli stessi dispositivi di protezione scarseggiano.

Dal mondo dell’imprenditoria italiana, dalle associazioni, dall’estero, dai singoli cittadini: le donazioni al comparto sanitario si stanno susseguendo, sia con offerte dirette che attraverso raccolte fondi lanciate online anche da molti influencer, che hanno permesso di raccogliere già parecchi milioni di euro.

“Diamo un sostegno concreto”

“Vogliamo dare un aiuto per sostenere in modo concreto lo sforzo del servizio sanitario della provincia di Reggio Emilia, di tutti i medici, gli infermieri e gli operatori che stanno combattendo questa battaglia in prima linea, ogni giorno”, spiega Alessandro Malavolti, amministratore delegato di Ama, azienda di produzione di componenti per veicoli Off.Hinghway.

“Da parte nostra – continuano dall’azienda – ci siamo strutturati fin dall’inizio per garantire la sicurezza dei nostri operatori. Questo ci ha permesso di proseguire la nostra operatività e di garantire ai nostri clienti la continuità della catena di fornitura rivolta, in particolare, al settore agricolo”.