― Le misure ed i provvedimenti per contenere la diffusione del Covid-19 sono in continuo aggiornamento. Anima Confindustria si esprime nel sostegno alle imprese della meccanica

L’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Coronavirus, così come le misure adottate, stanno avendo un importante impatto sulle aziende.
Anima Confindustria supporta le imprese nella soluzione delle principali problematiche che stanno riscontrando.

Diversi sono gli accorgimenti identificati per la tutela del lavoratore ed anche per il contenimento del virus, che fungono da corollario alle misure di sicurezza imposte dalle autorità fino al rientro dell’allarme.
Tra questi, il ricorso allo smart working, il controllo degli accessi, l’autodichiarazione, la comunicazione e buone prassi di igiene e pulizia.

Vediamole nello specifico.

Smart working

Ancora non troppo diffuso nel nostro paese, in casi come questo il lavoro agile da remoto è uno strumento eccezionale per limitare viaggi e spostamenti dei dipendenti. Web conference e limitazione delle trasferte sono infatti due delle misure che le aziende possono adottare in un momento cruciale come questo. Soprattutto se si tratta di aziende che ricadono nelle zone definite rosse, dove sono presenti focolai di infezione.

Controllo accessi

Un costante monitoraggio e rafforzamento dei filtri d’accesso in azienda per il passaggio di personale non dipendente è d’obbligo. Clienti, visitatori ma anche gli stessi fornitori. Il controllo degli accessi è fondamentale per avere ben chiaro quali siano le persone che gravitano all’interno dell’azienda e mantenere così sotto una certa soglia di sicurezza possibili contagi.

Autodichiarazione

Il consiglio di Anima è quello di far compilare al personale esterno una scheda che possa indicare gli ultimi spostamenti nel Paese e in particolare nei comuni interessati dall’ordinanza ministeriale del 21 febbraio e all’estero (nelle aree del contagio come Cina, Corea, Giappone ed Iran).
La scheda potrebbe essere utile a ricostruire i vari spostamenti che il personale può aver compiuto per avere certezza che non scateni un contagio incontrollato.

Sospensione degli eventi pubblici

In attesa che si conoscano con certezza i tempi dell’emergenza e quindi la relativa durata, il suggerimento è quello di sospendere eventi pubblici anche se programmati da tempo. I grandi assemblamenti, al momento, potrebbero non essere del tutto indicati.

Comunicazione

In presenza di sintomi riconducibili al Covid-19 o di presunto contatto con persone potenzialmente contagiose, le aziende potrebbero consigliare di chiedere al personale dipendente di avvisare la Direzione. Sarà la stessa a contattare, qualora si ritenga opportuno, i numeri di emergenza 112 e 1500.

Norme igieniche e pulizia

Promuovere e implementare tra il personale procedute diffuse dal Ministero della Salute è un obbligo. Ma oggi più che mai diventa di fondamentale importanza per scongiurare il rischio di contagi. Rispettare le regole di igiene consigliate dal Ministero è già una prima cautela utile per limitare le possibilità di un contagio.