― Nei primi nove mesi del 2019 il valore delle esportazioni ha superato i 2,24 miliardi (+1,9%)

Cresce dell’1,9% l’export di macchine per costruzioni nei primi nove mesi del 2019, un valore, quello delle esportazioni, che ha superato i 2,24 miliardi.

Con questa consapevolezza, e con molti altri dati dell’Osservatorio SaMoTer-Prometeia che monitora i flussi di import-export italiani per il settore delle macchine per costruzioni, prenderà il via a Fiera di Verona, dal 21 al 25 marzo 2020, la 31esima edizione di SaMoTer.

SaMoTer, il Salone Internazionale Macchine per Costruzioni.

Secondo l’indagine, nel periodo gennaio-settembre 2019 il valore delle esportazioni da gennaio a settembre 2019 è salito a 2,24 miliardi di euro, rispetto ai 2,19 miliardi dello stesso periodo del 2018.

Un incremento legato in particolare all’export di macchine per calcestruzzo, che hanno registrato un +15,8% per un totale di 246,63 milioni di euro, e a quelle per la preparazione degli inerti, con un export di 422,66 milioni (+9,9%).

Tra i Paesi che hanno incrementato maggiormente l’import di macchinari e attrezzature movimento terra made in Italy figurano l’India (+96,5%) e l’Europa nel suo complesso, così come per le macchine stradali.
Per il calcestruzzo hanno visto una forte crescita sempre nei Paesi europei (circa +20%) e in Nord Africa (+49,2%).

Nei primi tre trimestri del 2019, inoltre, risulta in forte crescita anche l’import italiano di macchine per costruzioni, che ha raggiunto quota 802,14 milioni di euro, rispetto ai 714,25 milioni del 2018 (+12,3%).

Leggi anche:

SaMoTer: nella fiera più antica del settore pulsa un cuore di innovazione