Digital Factory: Internationale Leitmesse für integrierte Prozesse und IT-Lösungen. SAP Deutschland, Halle 7, Stand A02
― Ad HANNOVER MESSE 2020, dal 20 al 24 aprile, il settore espositivo “Digital Ecosystems” sarà al centro, consentendo ai visitatori di informarsi ancora più velocemente su tutti i temi importanti della trasformazione industriale

Tecnologie integrate e sistemi di analisi dei dati sono, sempre più, la parola d’ordine per le imprese dell’Industria 4.0.
Processi e tecnologie si fondono, oltre che dentro le aziende più innovative, anche all’interno dei quartieri espositivi degli appuntamenti fieristici più importanti.
Come HANNOVER MESSE 2020 che da la priorità a una presentazione unitaria di cicli di lavorazione e soluzioni.
Come ha spiegato Hubertus von Monschaw, Gobal Director Digital Ecosystems presso Deutsche Messe: “In tempi di Industria 4.0 la parola d’ordine è produzione flessibile, c’è bisogno di macchine e sistemi intercomunicanti in modo autonomo e di scambio autonomo di informazioni sui processi. Perché tutto questo possa avvenire, è indispensabile il software che elabora questi processi. Nel settore espositivo a forte crescita ‘Digital Ecosystems’ verranno presentati, ad HANNOVER MESSE, tutti gli ambiti tematici rilevanti al riguardo”.

Al centro dell’attenzione del nuovo layout ci sarà il settore espositivo Digital Ecosystems, che proporrà la soluzione per ogni problema di software collegato alla catena industriale del valore.
Il settore sarà allestito nel cuore del quartiere fieristico (padiglioni da 14 a 17) in collegamento sinergico con tutte le altre aree espositive di HANNOVER MESSE.

Alcuni dei temi trattati:

Manutenzione predittiva
Apprendimento automatico
Sistemi MES per il controllo della produzione
Logistica (sistemi WMS per la gestione del magazzino e TMS per la gestione dei trasporti)
Analisi dati
CAD (Computer-Aided Design)
Sistemi PLM per la gestione del ciclo di vita dei prodotti
Piattaforme commerciali
Sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) per il controllo in tempo reale
Realtà virtuale/realtà aumentata
Sicurezza industriale

Questi sono anche i temi verso i quali, nel 2019, gli oltre 100.000 visitatori di HANNOVER MESSE hanno dimostrato particolare interesse, in quanto caratterizzati dalla tendenza a fondersi con le tecnologie adottate.
Per esempio un sistema MES può in effetti controllare la produzione in modo affidabile, solo se il suo comportamento futuro viene valutato e determinato a priori con l’aiuto di adeguati metodi di analisi dei dati che consentano di intervenire ogni volta che siano necessari miglioramenti e aggiustamenti nel controllo dei processi.

Anche gli esempi del CAD, del PLM e delle piattaforme di business spiegano molto bene la fusione dei singoli settori. Se infatti ancora fino a pochi anni fa aziende come AutoCAD si occupavano solo della rappresentazione digitale di un pezzo o di una parte di macchina, oggi realtà come Dassault Systèmes riproducono con le loro piattaforme software la catena completa del valore: dalla progettazione alla creazione delle parti, al controllo qualità. E in questo scenario di collaborazione vengono inclusi anche partner d’affari e fornitori esterni.
Le aziende si sono trasformate da semplici fornitori di sistemi CAD o PLM, a realtà in grado di dare corpo, con le loro piattaforme, all’intero processo di sviluppo dei prodotti, includendo sia le idee di partenza, sia i preparativi di produzione, sia la vendita del prodotto.

Interessante anche l’area ERP (Enterprise Resource Planning), dove verrà dimostrato, attraverso esempi e casi d’uso, come produttori di macchine e altre aziende possono utilizzare in modo nuovo un tool originariamente ideato per scopi completamente diversi.
L’area dell’ERP predittivo è destinata a diventare sempre più importante in futuro. Si potranno così combinare previsioni su possibili eventi e sulle misure d’intervento necessarie. E sarà possibile prendere decisioni attraverso adeguati modelli prognostici analitici, e precisamente grazie alla simulazione di scenari nei quali potranno essere presi in considerazione anche effetti complessi.

Realtà virtuale e realtà aumentata vengono sempre più spesso applicate in ambito industriale. Ad esempio nella progettazione di motori. Se in passato gli ingegneri avevano bisogno di intere giornate per elaborare i parametri di un progetto, oggi un algoritmo fornisce nello stesso arco di tempo ben 2.000 progetti diversi. E per di più i modelli 3D possono essere smontati, misurati e ricomposti fino all’ultima vite in un laboratorio di realtà virtuale.