― Una partnership che consolida un rapporto di intensa collaborazione ha legato di recente Carer a Tromen, uno dei principali produttori di legname del Cile

Le macchine Carer si dimostrano ancora una volta capaci di rispondere alle esigenze legate a una movimentazione complessa e non priva di imprevisti.
E’ il caso di Tromen, azienda cilena che dalle foreste del Sud del paese, opera nell’ambito dell’industria del legname, quale principale produttore.

Carer è riuscita a raggiungere proprio il cuore della sua operatività consegnando, a dicembre scorso, un lotto di 8 carrelli elettrici R50H² da 5 tonnellate. Dotati di batterie agli ioni di litio, per operare in applicazioni dedicate alla movimentazione delle assi e dei pannelli di legno, i carrelli Carer si sono subito dimostrati efficientissimi, riuscendo a innalzare i livelli di produttività dell’azienda grazie a eccellenti performance.

L’applicazione è estremamente particolare per le circostanze di utilizzo. Si tratta di lavorazioni e movimentazioni in esterna, in situazioni piuttosto critiche, sia per quanto attiene al tipo di terreno che alle condizioni atmosferiche.
Le superfici di ghiaia su cui i carrelli devono lavorare non agevolano le manovre e, in più, i mezzi sono impegnati in porzioni di stabilimento dove sono presenti rampe da attraversare a carico pieno.

L’uso intensivo delle macchine che lavorano su tre turni a ciclo continuo, necessitava di una risposta concreta. Proprio per questa ragione la scelta di Tromen è ricaduta sugli R50H² di Carer.
Per le stesse ragioni, si è reso necessario dotare i carrelli di ogni comfort, tra cui riscaldamento, aria condizionata, tergicristalli e quanto potesse  semplificare l’operatività degli addetti alla movimentazione.

Carer ha saputo soddisfare un’esigenza importante da parte di un cliente altrettanto significativo. Il lotto di 8 carrelli a marchio Carer consegnato a dicembre 2018, ha già registrato oltre tremila ore di lavoro, a dimostrazione dell’uso intensivo dovuto alle proprie attività.

A quanto pare terreni acquitrinosi, irregolari e sconnessi non impediscono un’operatività eccellente.
Ciò, nonostante gli ambienti in cui opera Tromen siano anche polverosi, molto umidi e ricchi di dislivelli e mettano a dura prova ogni giorno anche le macchine più robuste ed efficienti.