― 800 mila lavoratori interessati ai lavori che vedranno la discussione sul rinnovo del contratto logistica, trasporto e spedizione. Numerosi i punti dell'accordo tra le parti costituenti

Aperta la trattativa per il rinnovo del CCNL logistica, trasporto e spedizione. La discussione sul rinnovo, che riguarda circa 800 mila lavoratori, è stata avviata tra le parti lcostituenti.

Ne prenderanno parte le assistite da Confetra: Fedespedi, Fedit, Assologistica, Assoespressi, Aiti, Fisi, Trasportounito Fiap e Aite; Fai, Assotir, Federtraslochi, Federlogistica, Fiap, Claai e Unitai, assistite dalla Conftrasporto.

Presenti Anita, Cna-Fita, Confartigianato Trasporti, Sna Casartigiani, Confcooperative Lavoro e Servizi, Legacoop Produzione e Servizi, Agci Servizi.

Dal lato sindacale, guideranno la trattativa Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti.

Al centro della trattativa si cercherà di portare l’attenzione sulle difficoltà e le necessità di chi opera nel settore, cercando di valorizzare le regole negoziali.
La negoziazione aprirà una frase di riflessione oltre che di confronto utile a individuare le soluzioni contrattuali compatibili con le condizioni giuridiche delle imprese che rappresentano tutti i mutamenti del mercato odierno.

Un rinnovo che non si preannuncia facile, come ha sostenuto anche il presidente di Confetra Guido Nicolini. Il tavolo risulta abbastanza complesso ma la sua eterogeneità potrebbe rappresentare un valore aggiunto visto che include tutti gli attori coinvolti nella filiera.
Sta di fatto che la fase economica che si prospetta è ricca di interrogativi che non fanno presagire ancora nulla sul fronte delle novità.
Spetterà ai sindacati quindi fare da ago della bilancia per trovare un equilibrio fra la tutela dei lavoratori e le esigenze produttive delle imprese coinvolte.