fattura elettronica
― Positivi i dati registrati dall'Osservatorio Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b del Politecnico di Milano

Partita tra dubbi e timori, la fattura elettronica sembra essere, non solo entrata ormai nelle abitudini delle PMI, ma sembra anche non dispiace alle aziende.
È quanto emerge dall’Osservatorio Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b del Politecnico di Milano che ha registrato invii al di sopra delle previsioni.
la fatturazione elettronica si rivela così uno strumento apprezzato sia a livello “quantitativo” sia a livello “qualitativo”, in grado di semplificare diversi passaggi burocratici e velocizzare le operazioni di pagamento.

I dati dei primi sei mesi dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica del Politecnico di Milano (a giugno 2019)

854 milioni di fatture inviate tramite il Servizio di Interscambio a imprese (54% del totale), Pubblica Amministrazione (2% del totale) e privati (44% del totale). Di queste, solo il 3% sono state “rigettate” dal sistema per irregolarità nella compilazione.
Gli 854 milioni di documenti fiscali sono stati generati da 3,2 milioni di contribuenti.

Secondo i dati raccolti oltre il 50% delle aziende intervistate ritiene di aver tratto vantaggio dall’introduzione della fattura elettronica.
Che tipo di vantaggi?

  • Maggiore velocità della registrazione delle fatture (33% delle grandi imprese e dal 31% delle PMI),
  • Semplificazione della fase di verifica della fattura (21% del campione)
  • Semplificazione del processo di approvazione del pagamento (20% e 14%)
  • Riduzione dei tempi di pagamento
  • Tempi di riconciliazione dei pagamenti più rapidi