― Quest’anno Servicar celebra i suoi primi 20 anni di attività, festeggia puntando alla crescita nel segno dell’innovazione.

Nel 1999 Francesco e Alessandro Salemme diedero vita alla Servicar, una piccola officina meccanica di appena 100 mq dove gli stessi Salemme riparavano in prima persona i carrelli elevatori dei loro clienti.

Nel 2003 Servicar iniziò la sua collaborazione con l’allora OM Carrelli.

Oggi Servicar è una importante realtà del settore della logistica e conta oltre 35 dipendenti ed opera in una struttura di quasi 3000 mq. Da sempre nel mondo dei carrelli elevatori, negli anni ha ampliato il suo portafoglio prodotti con la commercializzazione di lavapavimenti e spazzatrici, scaffalature e tutto quello che occorre al settore della logistica. Ai suoi clienti offre un servizio di assistenza tecnica eccellente grazie alla sua officina interna altamente qualificata ed attrezzata e ad un importante parco automezzi tutti adibiti ad officina mobile grazie al quale riesce a coprire tutto il territorio campano e non solo.

La crescita

“Crescita ed innovazione sono senza dubbio i nostri obiettivi – racconta Francesco Salemme, uno dei fondatori – . Negli ultimi due anni abbiamo fatto tanti investimenti. Abbiamo ampliato la nostra struttura di quasi 1000 mq e questo spazio è servito a creare uno show-room di macchine rigenerate e in pronta consegna. Abbiamo rinnovato buona parte del nostro parco automezzi grazie ai quali prestiamo assistenza tecnica ai nostri clienti. Ma sono altri gli aspetti che definiscono il tipo di crescita che stiamo perseguendo. Uno degli investimenti più importanti è sicuramente quello in risorse umane. Noi puntiamo e crediamo sui nostri giovani collaboratori e con loro cerchiamo di strutturare un diverso approccio al lavoro. I giovani sono dinamici ed hanno bisogno che questa loro dinamicità venga supportata e stimolata. Stiamo pian piano abbandonando i metodi di lavoro tradizionali e dallo scorso anno abbiamo iniziato un forte processo di informatizzazione mediante il quali i tecnici saranno tutti dotati di sistemi che permetteranno di snellire e velocizzare tutti i processi, a partire dalla compilazione dei rapporti di lavoro digitali validati con firma grafometrica per finire ai software di diagnosi e riparazione dei carrelli stessi”.

Il mercato

Un importante investimento è stato fatto anche in termini di marketing. Il mercato è un’entità che è in costante evoluzione ed anche Servicar vuole e deve evolversi. “Tra le novità più importanti: abbiamo rinnovato il nostro branding, stiamo investendo tanto in pubblicità, stiamo rinnovando il nostro sito internet, cerchiamo di essere presenti sui social, abbiamo avviato importanti sponsorizzazioni e tanto altro al fine di essere ancora più presenti sul nostro territorio di riferimento.
Un altro aspetto importante del mercato di oggi – spiega sempre Salemme – è che, rispetto agli anni precedenti, i clienti sono molto più orientati al noleggio dei carrelli elevatori rispetto all’acquisto. Questo perché il noleggio garantisce una certa flessibilità ed un investimento più contenuto di risorse finanziarie. In tal senso il nostro sforzo nel rinnovare ed incrementare costantemente il nostro parco carrelli”.

Il punto di forza

Il punto di forza di Servicar sembra dunque risiedere in questa costante ricerca di crescita e innovazione, una crescita perseguita secondo determinati criteri, cercando di stimolare le potenzialità delle proprie risorse e sfruttare le opportunità offerte dal mercato. L’opinione di Antonio Salemme, figlio del fondatore, è che il successo di Servicar sia da attribuire indubbiamente alla tenacia e alla passione che i suoi fondatori profondono nell’attività, ma soprattutto nella costante valorizzazione delle risorse che oggi fanno di Servicar una delle principali aziende leader del settore.