E-commerce transfrontaliero
― Le prestazioni di consegna transfrontaliera competenti si trasformano da necessità dei clienti ad enorme vantaggio competitivo per gli operatori europei

Il comportamento dei consumatori è sempre più orientato all’acquisto online al di fuori dei mercati nazionali. Per questo motivo, le prestazioni di consegna transfrontaliera competenti diventano non solo una necessità ma soprattutto un enorme vantaggio competitivo per gli operatori europei che imparano a gestirle adeguatamente. Ma come possono le aziende europee affrontare con successo le sfide che impone l’e-commerce transfrontaliero?

Uno dei maggiori successi dell’acquisto online e di Internet in generale è la facilità con cui i clienti riescono a trovare ciò che desiderano in qualsiasi momento e luogo. Il successo dell’e-commerce non è chiaramente dovuto solo a questa opportunità ma anche all’esperienza di livelli di servizio sempre più elevati per ciò che riguarda la consegna degli ordini. Consegna e non solo: resi gratuiti, consegna il giorno successivo all’acquisto, informazioni in tempo reale grazie al tracking delle spedizioni. Tutti servizi che oggi si aspettano i clienti.

Questione di strategia globale

Regno Unito, Francia e Germania rappresentano i tre mercato in cui vengono generate più delle metà delle vendite europee. In tutta l’Europa occidentale, circa il 26% delle vendite totali nel commercio elettronico sono già ordini transfrontalieri. Il potenziale di ottenere vantaggi competitivi in Europa attraverso un’esperienza di shopping transfrontaliero competente è enorme. Se non fosse che solo pochissime realtà – solo le maggiori – hanno una strategia globale che può soddisfare le aspettative dei clienti a livello transfrontaliero. Come sottolineato anche da Eurostat, uno dei più grandi problemi del commercio elettronico transfrontaliero è rappresentato dai più lunghi tempi di consegna. Ma qual è la vera fotografia della situazione?
Oggi occorrono da 1 a 2 giorni per consegnare un ordine da un fornitore tedesco ad un consumatore tedesco, ma il numero cresce da 3 a 5 se la consegna parte dalla Germania e deve arrivare nel Regno Unito. I consumatori possono scegliere la spedizione espressa, che però oggi ha ancora un prezzo elevato. Un’altra sfida importante è la velocità delle procedure di reso. Con tassi di restituzione del 25%, i ritardi per i consumatori sono falle nelle prestazioni di un servizio, che non aiutano la competitività. Cosa possono fare allora le aziende per migliorare da questi punti di vista?

Il consumatore al centro della strategia di filiera

Per avere successo nell’e-commerce transfrontaliero in Europa, i rivenditori e i marchi dovrebbero mettere l’esperienza del consumatore al centro della propria strategia di filiera, riconoscendo che molti consumatori in Europa si aspettano consegne rapide (ovvero il giorno successivo) e affidabili. Il che significa anche essere in grado di scegliere le fasce orarie di consegna in giorni specifici, anche con opzioni di consegna incustodite, ecc. Un’opzione che brand e dettaglianti possono sperimentare spostando l’inventario in più paesi. Per avere successo quando si affrontano queste sfide, è molto importante concentrarsi sull’essenziale: passare alla realizzazione distribuita segna spesso un cambiamento importante nella strategia della supply chain e richiede investimenti in capacità IT, analisi dei dati e un ingombro fisico del magazzino. Quale strategia adottare, quindi? Come rispondere alle sfide del commercio elettronico transfrontaliero?
Due, sembrano essere gli approcci quando si pianifica la distribuzione di scorte in tutta Europa e la creazione di una rete di evasione ordini: sviluppare la propria rete o diventare parte di una rete.
Nel primo caso, sviluppare la propria rete può significare una gestione indipendente senza fornitori di servizi logistici di terze parti, impostando il proprio ingombro in diversi mercati insieme alle funzionalità IT richieste. Significherebbe investire nelle tue capacità IT per orchestrare la rete da soli. L’altra opzione è quella di diventare parte di una rete di adempimento già esistente offerta da una terza parte che fornisce e investe nelle capacità IT richieste, nonché nello spazio di magazzino. Siti condivisi da diversi rivenditori e marchi, meno capitale da investire, significa trarre vantaggio dall’adempimento distribuito con risorse limitate e rischi ridotti.

La logistica come vantaggio competitivo chiave

Le aziende in grado di soddisfare le elevate aspettative di servizio degli acquirenti europei in termini di tempi di consegna brevi, opzioni di consegna affidabili e flessibili e convenienti ritorni per gli acquisti effettuati attraverso i confini europei hanno un enorme vantaggio sul mercato. Offrire un’esperienza di shopping transfrontaliero competente attraverso la giusta strategia di supply chain è l’occasione per massimizzare la portata e la disponibilità sui mercati europei di tante aziende, controllando al contempo i costi di tale operazione.
Forse non sarebbe poi così sbagliato pensare a strategie di supply chain che includano l’adempimento distribuito.